Cerca nel quotidiano:


Alla scoperta del Subbuteo Club Labronico

Giovedì 20 Ottobre 2016 — 11:07

Mediagallery

di Anna Campani

Sette anni fa è iniziata l’avventura. Quella del movimento di subbuteo e calcio da tavolo di Livorno che ha visto inizialmente la partecipazione di pochi appassionati e che poi nel tempo è cresciuta, fino ad oggi che conta circa quaranta tesserati. Queste giocatori, insieme, hanno dato via a una Asd (associazione sportiva dilettantistica) iscritta alla federazione italiana sport calcio tavolo: sotto questo marchio sono presenti quattro squadre di cui due fanno sia attività di Subbuteo che calcio da tavolo e due soltanto di Subbuteo. Queste ultime partecipano alla serie A della federazione nazionale, mentre la squadra di calcio da tavolo gioca in serie T. Nella serata del 19 ottobre, al Circolo Pizzi ad Ardenza, sede dell’associazione, il Subbuteo Club Labronico ha presentato l’inizio della stagione che ha preso il via a settembre (terminerà a giugno con i campionati italiani) e che ha già registrato il primo successo, con la vittoria della Coppa Italia giovanile, vinta a San Benedetto del Tronto.
Una stagione iniziata da poco che vede già l’organizzazione, alLa Buca del Gatto a Vada, di un torneo del circuito grande slam di Subbuteo che tocca quattro città d’Italia. Dopo Livorno, le squadre, si daranno “battaglia” a Firenze, Roma e Bologna.

“Molto importante è il settore giovanile, il Livorno ha la squadra primavera al momento detentrice della Coppa Italia e tra le sue fila figurano tre campioni mondiali, titoli vinti recentemente in Belgio – ha commentato Michele Giudice, presidente dell’Asd – Per noi questo settore è di vitale importanza. Cerchiamo con le nostre iniziative di strappare i ragazzi alla Play Station, alla televisione e di avvicinarli a questo mondo che ha visto crescere decine di generazioni. L’adesione è stata positiva, soprattutto grazie al passaparola di amici e conoscenti e un po’ di promozione, devo dire che alle nostre serate ci sono sempre numerosi partecipanti”.

Un gioco quello del Subbuteo che appassiona da sempre grandi e piccini.
“Il gruppo come accennavo è numeroso, un gruppo come il nostro, formato da quaranta persone non è poi così facile da trovare è uno dei gruppi più grandi d’Italia. Quando posizioniamo i nostri campi nelle associazioni e nei locali, ci sono sempre un gran numero di persone che ci chiedono informazioni e sono interessate al gioco e a partecipare”.

Iniziative quelle del Subbuteo Club Labronico che hanno visto spesso la partecipazione del Livorno Calcio. 
“Abbiamo partecipato alla festa per il centenario del Livorno calcio, a iniziative anche a favore della Fop, insieme ad Andrea Luci e tornei allo stadio”.

L’entusiasmo nello scegliere la squadra, nel posizionarla in campo, quanto è grande?
“L’entusiasmo è sempre grande sulla scelta della squadra e non solo da parte di bambini e ragazzi ma anche di noi grandi, ci facciamo coinvolgere tantissimo da questa emotività. Ripercorriamo un po’ la nostra storia di quando eravamo piccoli, quando passavamo giornate intere a giocare a Subbuteo”.

Spesso siete organizzatori dei tornei a tema, come lo scorso anno per il centenario amaranto. 
“Sì, quest’anno abbiamo organizzato questa iniziativa con le nazionali. Un torneo appena cominciato e che andrà avanti per tutta la stagione. Dare un tema alle nostre attività rende tutto sicuramente più divertente”.

20161019_185918

Piccolo campione in erba, ha solo dieci anni ma il suo palmares ha già tanta voglia di crescere. Parliamo di Francesco Tozzi, che ci ha raccontato com’è nata questa sua passione: “Il primo titolo che ho vinto è stato un Major a Roma, un titolo internazionale nel 2015. Grazie a quella vittoria sono salito al secondo posto nel ranking internazionale e ho ricevuto la convocazione in nazionale dopo un anno di gioco. Questa mia passione è nata grazie a mio padre, Carlo Tozzi che una sera mi ha portato a giocare al circolo Pizzi. Da quel giorno non ho più smesso di allenarmi e quest’anno è arrivata la seconda convocazione in nazionale”.
Per chi fosse interessato a mettersi in gioco e a misurarsi con giocatori in miniatura e squadre tutte da scegliere gli appuntamenti sono il giovedì sera e il venerdì sera, dalle 21, al Circolo Pizzi. Il giovedì è dedicato agli adulti con il Subbuteo classico, mentre il venerdì all’attività agonistica, con i ragazzi che si allenano per le manifestazioni.

Riproduzione riservata ©

Cerchi visibilità? Contattaci: 1,1 milioni di pagine viste al mese e oltre 54.800 iscritti a Fb. Per preventivi https://www.quilivorno.it/richiesta-preventivo-banner/ oppure [email protected]

GRAZIE!


1 commento

 
  1. # MASSIMO BARTOLINI

    BRAVISSIMI, siete un bell’esempio per i giovani di oggi, ormai rimbacucchiti da cellulari Smart Phone, Play Station ed altro. Ho 77 anni, in garage, ho sempre il campo da gioco con alcuni accessori che con le tante squadre ancora in possesso dei miei figli (ormai grandi) è stato strumento di dispute e tornei per anni e anni. Magari ci prendessero passione anche i nipoti !!!