Cerca nel quotidiano:


Free Style, quattro livornesi sul podio

Gli atleti dello Zen club-Ninja entusiasmano alla seconda edizione dell’Italian Open di free style-musical form, specialità nuovissime e molto spettacolari del variegato mondo delle arti marziali e sport estremi

Sabato 27 Gennaio 2018 — 18:36

Mediagallery

Quattro atleti sul podio con due medaglie d’oro, un argento ed un bronzo. Gli atleti dello Zen club-Ninja cave di via Pera entusiasmano il palazzetto di Rovigo-Lendinara alla seconda edizione dell’Italian Open di free style-musical form, specialità nuovissime e molto spettacolari del variegato mondo delle arti marziali e sport estremi. Si piazzano al primo posto Asia Dominici e Aurora Andreini. E’ secondo Leonardo Di Malta, terzo Cristian Andreini. Per l’altro componente del team livornese, Simone Andreini un quarto posto che però, a giudizio di tutti gli esperti presenti, gli va molto stretto. Simone è stato comunque convocato a  disputare il Grand Champion, categoria riservata ai Big del free style. Il team è stato guidato da Michele Silvestri, fondatore della Ninja cave, uno dei pochissimi locali attrezzati in Italia per i percorsi ad ostacoli ed il free style, locale che si trova all’interno dello Zen club. I livornesi si sono esibiti di fronte ad un ospite d’eccezione, Tyler Weaver, americano pluricampione mondiale delle specialità e membro del prestigioso “Paul Mitchel team”, come dire i “globe grotter” del free style. E’ stato lo stesso Tyler a complimentarsi con Silvestri ed i suoi ragazzi. I prossimo obiettivi per la Ninja cave e lo Zen club sono ora gli internazionali di Irlanda, in marzo. Quindi l’Us Open, il torneo mondiale che si svolgerà ad Orlando, presso Disneyworld in luglio. Il team è stato invitato dagli organizzatori , sia per la disciplina delle musical form che per il settore difesa personale. La preparazione è iniziata.

Nella prima foto Asia Dominici, Michele Silvestri, Aurora Andreini, Simone Andreini, Tyler Weaver, Leonardo Di Malta, Cristian Andreini. Nelle altre foto, le prove dei giovani livornesi.

Riproduzione riservata ©