Cerca nel quotidiano:


L’Almanacco dello Sport premia i migliori dell’anno. Tutti i NOMI

Lo storico annuario, creatura ideata e promossa per tutti questi anni con il consueto incessante impegno dall’editore Roberto Scotto, è stato presentato al pubblico nei giorni scorsi

mercoledì 04 luglio 2018 17:59

Mediagallery

Edizione numero 28 per l’Almanacco dello Sport livornese. E se non è un record degno di quelli firmati dai campioni di cui da tempo narra le imprese sportive, poco ci manca (clicca sul link in fondo all’articolo per consultare tutte le foto all’interno della gallery di Paolo Mura).
Lo storico annuario, creatura ideata e promossa per tutti questi anni con il consueto incessante impegno dall’editore Roberto Scotto, è stato presentato al pubblico nei giorni scorsi. In versione ulteriormente ampliata (ben oltre le 400 pagine, tutte da sfogliare) e patinata, il volume curato da Andrea Puccini con la collaborazione di Mario Orsini, Fabio Giorgi, Andrea Masini, Nicolò Cecioni, Isabella Scotto e Michela Demi, rappresenta una vetrina a tutto tondo sul meglio offerto dall’attuale panorama sportivo di città e provincia. Una fotografica panoramica a 360 gradi sul movimento amatoriale e agonistico, fino a quello delle eccellenze dei massimi livelli per ciascuna differente disciplina. Tanti articoli, interviste, commenti e foto per raccontare con completezza e dovizia di particolari il presente dei poliedrici talenti le cui stelle costellano il firmamento di una tra le città più medagliate al mondo.

Due difatti sono stati i personaggi dell’anno 2017, premiati nell’occasione: tra gli uomini, il trofeo se l’è aggiudicato Walter De Raffaele, ex Libertas ai tempi della storica finale scudetto e oggi capo allenatore della Reyer Venezia che ha vinto lo scudetto nella stagione 2016/2017. Il prestigioso riconoscimento al femminile è invece andato a Simona Pierucci, arbitro di scherma apprezzata ormai da anni per la propria professionalità e competenza dagli atleti delle principali competizioni internazionali.

“Orgogliosi di essere livornesi” recita difatti lo slogan che campeggia sulla copertina dell’Almanacco dello Sport in versione 2017. Nell’immancabile appuntamento d’inizio estate, con la cerimonia ospitata stato nella sala consiliare della Provincia, L’Almanacco è stato quindi presentato alla cittadinanza e agli appassionati, alla presenza dell’assessore allo sport Andrea Morini, del Presidente del Coni Point Gianni Giannone, del prefetto Anna Maria Manzone, di Simone Cardullo intervenuto in rappresentanza del Coni Regionale, di Rodolfo Graziani già presidente degli Atleti Azzurri d’Italia, di Cesare Gentile, Presidente dei Veterani dello Sport. Oltre alla consueta presenza delle autorità militari, a quella del Liceo scientifico Enriques con un gruppo di ragazzi dell’indirizzo sportivo che hanno collaborato alla buona riuscita logistica dell’evento, da segnalare anche una caleidoscopica platea composta da tanti sportivi in rappresentanza delle realtà locali delle varie Federazioni.

Accompagnati dalla bellezza e dalla grazia di Miss Livorno e Miss Almanacco in carica che hanno supportato i tanti momenti celebrativi con la consegna dei vari riconoscimenti, si è scelto di omaggiare la sport labronico incarnato dai cosiddetti ‘magnifici Sette’. Altrettante eccellenze che hanno scritto pagine indimenticabili con i loro trionfi: Bibi Gufoni nel karate, Franco Nenci nel pugilato, Letizia Tinghi per il pattinaggio a rotelle, Giulia Quintavalle, campionessa olimpica nel judo, la nuotatrice Ilaria Tocchini, Rolando Rigoli sulle pedane della scherma e Marco Volpi, 29 volte campione mondiale di pesca sportiva.

La targa “Una vita per lo sport” è stata invece consegnata a Mario Tinghi.

Per quanto concerne le varie Federazioni, i premi sono arrivati nelle mani di Rolando Rigoli per la scherma, Michele Borghetti per la Dama, Andrea Puccini per l’Aci, Gioia Tancredi per il pugliato, Maurizio Baldi per la Filkam, Daniele Sircana per il braccio di ferro, Mauro Martelli per il canottaggio, Claudio Kaminsky per la canoa, Paolo Quaglierini per il ciclismo, Alberto Cencetti per l’atletica, Max Martelli per la pesistica, Edoardo Agretti per il calcio, Renato Graziani per il basket, Piero Penicucci per il volley, Fabio Gaetaniello per il rugby, Mario Fracassi per il nuoto, Ivan Stoyanov per il tennistavolo, Marco Paglioni per i cronometristi, Lara Filippi per la ginnastica, Fabio Palandri per il Tiro con l’Arco, Fabio Quaglierini per il Triathlon, Mauro Piazzini per il Motociclismo, Massimiliano Schnack per il golf, Silverio Badalassi del Cicasub, Mario Falaschi per il softball, Renzo Butelli per il biliardo e l’avvocato Minervini per il football americano. Idem per gli “Atleti Speciali” Claudio Rigolo e Martino Seravalli.

 

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # Fernando

    Buona sera..Eccelente iniziativa unicamente che mi dispiace di non aver considerato tra i premiati il pluri medagliato a Livello Mondiale per vari anni, Ing. Giulio Paroli. Campione under 60 di scherma….scusate ma mi pareva il meno.

  2. # Fernando Barsellotti

    E’ la terza volta che scrivo…Il motivo è molto semplice: non aver preso in considerazione tra i premiati il plurimo campione del mondo scherma under 60 ing. Giulio Paroli. Penso che le medaglie che lo stesso porta sono orgoglio della scherma Livornese.
    Cordialmente Fernando Barsellotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.