Cerca nel quotidiano:


Mma, Bellandi vola a Londra nel Cage Warriors

L’atleta livornese, con una sola settimana di preavviso, ha accettato la sfida di sabato 12 dicembre contro Will Currie (4-0) come card dell’organizzazione britannica Cage Warriors, tra gli eventi più importanti del panorama europeo di mma, in un incontro valido per i pesi medi (84 chili)

Lunedì 7 Dicembre 2020 — 17:20

di Filippo Ciapini

Mediagallery

Il Cage Warriors è una delle poche finestre aperte agli Stati Uniti e all'Ufc, il massimo torneo al quale ogni combattente ambisce. Una vittoria consentirebbe al talento livornese di affermarsi come uno dei prospetti più interessanti del panorama italiano

A quasi un anno di distanza dall’ultimo match Dario Bellandi è pronto a tornare nell’ottagono in un altro incontro di rilievo. L’atleta livornese, con una sola settimana di preavviso, ha accettato la sfida di sabato 12 dicembre contro Will Currie (4-0) come card dell’organizzazione britannica Cage Warriors, tra gli eventi più importanti del panorama europeo di mma, in un incontro valido per i pesi medi (84 chili). “Anche se sono stato chiamato all’ultimo momento e non sono potuto andare in palestra sono pronto per Londra – ci ha detto telefonicamente il fighter del Rendoki Dojo – E’ un bel match in un circuito importante, un’ottima vetrina per il futuro”.
Condizioni difficili quindi per il campione labronico che, viste le circostanze e l’impossibilità di allenarsi in palestra, ha quindi dovuto adattarsi con corsa ed allenamenti “domestici” raggiungendo comunque un buono stato di forma per l’incontro. Una bella sfida visto anche lo spessore dell’avversario di casa: “Farò un match intelligente, non partirò pensando di fare tre round a bomba come se mi fossi allenato per tre mesi”, ha aggiunto Bellandi.
Per capirci, il Cage Warriors è una delle poche finestre aperte agli Stati Uniti e all’Ufc, il massimo torneo al quale ogni combattente ambisce. Una vittoria consentirebbe al talento livornese di affermarsi come uno dei prospetti più interessanti del panorama italiano. Bellandi infatti nonostante sia al terzo match tra i professionisti, dove per il momento ha collezionato due vittorie su due, vanta anche un ottimo background nel mondo delle arti marziali miste con dodici vittorie e due sconfitte e due titoli di campione europeo IMMAF. “Teso? Per il momento no, altrimenti non facevo questo sport, poi è chiaro che quando sarò lì la tensione salirà – ha poi concluso Dario Bellandi – Anche se sarà un incontro difficile so quali sono le mie potenzialità, ci credo e ci proverò con tutto me stesso”.

Riproduzione riservata ©