Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Bodybuilding, Michael è di nuovo sul tetto del mondo

Lunedì 24 Ottobre 2022 — 10:39

Michael Simonini, livornese classe 1985, è riuscito a tornare quanto prima in sella e a salire di nuovo sul tetto del mondo nella disciplina del bodybuilding categoria medi C.I.B.B. 75-85 kg. Il nostro concittadino bissa così il successo ottenuto nel 2021

di Giacomo Niccolini

Ops i did it again cantava Britney Spears in un noto brano diventato una hit. Ops, l’ho fatto ancora direbbe il nostro atleta internazionale di bodybuilding. Nonostante un importante infortunio rimediato in scooter lo scorso settembre che aveva minato in parte il suo cammino, Michael Simonini, livornese classe 1985, è riuscito a tornare quanto prima in sella e a salire di nuovo sul tetto del mondo nella disciplina del bodybuilding, fatta di estremo rigore mentale e fisico, di allenamenti duri e di sgarri zero.
Lo ha fatto lo scorso weekend a Bologna, dove, al PalaCavicchi si è svolto il mondiale con tutti gli atleti più promettenti del pianeta. Il nostro concittadino è riuscito a salire sul gradino più alto del podio nella categoria “medi 75-85 kg” C.I.B.B. per il secondo anno consecutivo sfiorando per un soffio, e non con qualche recriminazione da effettuare per il giudizio finale, il titolo assoluto per il quale invece si è classificato con un ottimo secondo posto (molto stretto).
Dallo scorso anno Michael, da quando ha vinto il mondiale guadagnandosi il tesserino da professionista, sta lavorando sodo, giorno dopo giorno, per questi grandi eventi in programma in questa fine del 2022. A causa dell’incidente avuto in motorino ha dovuto rinunciare al suo debutto da Pro in programma ad inizio di ottobre rimandando comunque l’appuntamento a dicembre quando a Torino si accenderanno i riflettori sulla competizione Open. Nel frattempo nel mirino c’è già un altro importante appuntamento che è Mister Universo in programma a Valencia il 6 novembre.
“È una soddisfazione enorme – spiega Simonini al telefono con QuiLivorno.it – essere riusciti a confermare il titolo mondiale vinto lo scorso anno è per me motivo di grande soddisfazione. Un po’ di rammarico per il secondo posto assoluto ma consapevole di aver ricevuto i complimenti degli addetti ai lavori per questo secondo posto un po’ più stretto del dovuto. Sono comunque orgoglioso di quanto fatto. Alla base di questo successo però è doveroso fare alcuni grandissimi ringraziamenti. In primis lo studio fisioterapico Studio Fisio LG di Leonardo Gini che, grazie alle sue cure e ai suoi macchinari di ultimissima generazione mi ha permesso un recupero super rimettendomi in piedi in men che non si dica. Una fetta di questo mondiale è sicuramente merito loro. Ringraziamento speciale anche alla palestra Numero Uno Fitness che da anni ormai mi ha aperto le porte dei loro locali come se fosse casa mia. Un doveroso ringraziamento poi al mio preparatore Emanuele Lenzi con il quale si è creato un legame fortissimo. Per me rappresenta una sorta di angelo custode che mi segue h24, centimetro per centimetro, che cura ogni aspetto della mia preparazione da quella mentale a quella fisica e nutrizionale. A proposito di quest’ultimo aspetto uno special thanks va anche a Germe di Grano di Pisa che hanno pensato alla fornitura di integratori per la mia preparazione”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©