Cerca nel quotidiano:


Breda: “La nostra partita più brutta, ma quel che conta era vincere”

Il mister dedica la vittoria a Brignola e a Stoian: "Anche oggi erano qua con noi nonostante tutto. E' giusto dedicare questi tre punti a loro"

sabato 26 Ottobre 2019 21:42

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

“Non voglio sapere come ma basta vincere. Lo avevo detto. E così è stato. E’ stato forse la peggiore partita fatta fino ad oggi dal Livorno ma stavolta è andata bene”. Esordisce così mister Roberto Breda in sala stampa davanti ai media. Un Roberto Breda che ha ancora negli occhi il sapore di un derby strappato con il carattere, voluto a tutti i costi e ottenuto nonostante il suo Livorno non abbia mostra di certo la faccia più bella di questa stagione. Ma non importa. La vittoria era necessaria per tutti, per la città, per i tifosi e per tornare ad alzare la testa.
“I miei ragazzi oggi hanno fatto una prestazione comunque importante come voglia di portar a casa il risultato. Quel che conta a volte è quello – continua Breda davanti ai microfoni – buttarla dentro e non prendere gol. E oggi (sabato 26 ottobre, ndr) è stato così. Abbiamo fatto finalmente una partita senza subire gol e abbiamo portato a casa una vittoria. Se fosse sempre stato così non avremmo questo tipo di classifica. Ma oggi non conta, quello che conta era vincere il derby”.
Panchina salva dunque con questa vittoria?
“Abbiamo vinto due partite e quelle due non possiamo neanche godercele più di tanto perché martedì torniamo in campo. Al di là di questo io ringrazio la società per la fiducia che mi da sempre. Ho visto che è venuto anche Roberto oggi (Spinelli, il figlio di Aldo, ndr). Erano contenti del risultato ottenuto. Sono felice. Con questi punti in tanti altri posti sarei a casa. Quindi devo solo ringraziare”.
La scelta di Braken?
“Con Braken volevo provare a mettere fisicità. Nelle ultime gare con tanti cross abbiamo riempito poco l’area di rigore. Oggi volevo provare a mettere chili e centimetri là davanti cercando di dare una lettura diversa. Infatti è arrivato un gol su di un cross. Non dei nostri attaccanti ma… è entrata. Braken ci ha messo la testa. Dobbiamo insistere di più con questo tipo di giocate. Dobbiamo riuscire a crossare di più perché con due torri così in area…”.
Com’era il clima nello spogliatoio prima della partita? Come hai visto i tuoi oggi? E’ la partita della svolta?
“Erano molto tesi prima e molto entusiasti dopo. Un derby è così. E’ inutile dire che è una partita come un’altra. Se è la svolta? Sicuramente sono punti pesantissimi. E vengono in una partita in cui tenevamo molto a far bene anche per la gente che ha assiepato il Picchi stasera. Portare a casa il derby dell’andata diventa bello per tutti quanti”.
Un derby che si rispetti merita una dedica. Mister Breda a chi dedica questi tre punti?
“La dedica oggi la faccio a Brignola e a Stoian perché sono ragazzi che sono venuti con tanto entusiasmo a darci una mano. Per motivi diversi hanno avuto un grande problema entrambi ed anche oggi erano qui. Enrico (Brignola, ndr) con le stampelle è arrivato proprio per vedere la partita a dimostrazione di quanto il gruppo sia molto amalgamato. Ci daranno una grande mano. Sicuramente ce la daranno più avanti. Intanto questo derby lo dedico a loro”.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.