Cerca nel quotidiano:


Barontini 2019, attimi di apprensione per un vogatore del Venezia

A fine gara il timoniere ha alzato la bandiera rossa per richiedere l'intervento medico. Il dottor Francesco Genovesi ha raggiunto l'equipaggio biancorosso in trenta secondi. Responso: lussazione totale di spalla non riducibile sul posto

Domenica 16 Giugno 2019 — 00:02

Mediagallery

Barontini 2019, intervento del 118 per un vogatore del Venezia all’arrivo poco prima della mezzanotte del 15 giugno. Il timoniere Nicholas Crovetti ha alzato la bandiera rossa per richiedere l’intervento medico. Il dottor Francesco Genovesi (nelle foto ESCLUSIVE il dottore mentre raggiunge l’equipaggio del Venezia e il vogatore infortunato) – coordinatore del servizio sanitario della gara remiera composto da 9 ambulanze a terra e 2 idroambulanze fra Svs, Misericordia di Montenero, Misericordia di Livorno e Croce Rossa Livorno – ha raggiunto l’equipaggio biancorosso in trenta secondi. Poco dopo lo speaker della manifestazione Roberto Cipriani, ricevuta la comunicazione dal direttore Svs Francesco Cantini, ha tranquillizzato tutta la folla, spiegando che si è trattato di un problema alla spalla (lussazione totale di spalla non riducibile sul posto, sarà il responso medico). Lo stesso timoniere del Cavallino tornando indietro e passando davanti al traguardo ha alzato il pollice in segno di ok. Il vogatore è stato trasportato al pronto soccorso per gli accertamenti del caso. A seguire le fasi concitanti dei soccorsi anche il sindaco Luca Salvetti, nella foto accanto a Maurizio Paolini membro del comitato organizzatore Coppa Barontini.

Riproduzione riservata ©