Cerca nel quotidiano:


“Labronica”: trionfa il Borgo, secondo il Venezia. Sul podio il Salviano

La gara remiera del 2020, la "Labronica", la gara delle gare, si tinge di bianconero. A trionfare, interrompendo così una striscia di successi rossobianca che durava da due anni, è il gozzo del Costante Neri

Sabato 25 Luglio 2020 — 20:30

Mediagallery

Pubblico delle grandi occasioni alla Terrazza Mascagni per questa "gara delle gare", l'unica della stagione 2020. Anche la gara femminile è stata vinta dal Borgo che la spunta sull'Ovosodo

Trionfa il Borgo Cappuccini. La gara remiera del 2020, la “Labronica”, la gara delle gare, si tinge di bianconero (foto principale e altre in pagina scattate dal mare da Andrea Dani. Sul link in fondo all’articolo la fotogallery di Lorenzo Amore Bianco e le altre fotogallery a firma “Andrea Dani”). A trionfare, interrompendo così una striscia di successi rossobianca che durava da due anni, è il gozzo del Costante Neri che strappa il titolo con un tempo strepitoso di 4’33’09. In seconda posizione è il Venezia che si mette al collo l’argento fermando il cronometro su 4’37’43’. Un grande Salviano riesce a salire sul podio guadagnandosi un meritato bronzo dopo aver eliminato nella batteria uno dei favoriti: il Pontino. Il gozzo del Salviano chiude la finale al terzo posto con il tempo di 4’47’07.  Al quarto posto l’Ovosodo che finisce i suoi mille metri 4’48’10 (clicca qui per rivere l’emozione della finalissima nella diretta FB di QuiLivorno.it).
La manifestazione si apre con il fiato sospeso. Dopo alcuni minuti di ritardo, infatti, dovuto ad un problema alle boe di virata è partita la prima batteria della Labronica intorno alle 19, anziché alle 18,30 come era da programma. La prima semifinale si conclude con il passaggio al turno successivo del Borgo Cappuccini, che taglia per primo il traguardo dei mille metri in 4’38”05, e del Venezia che arriva alle spalle del gozzo bianconero con il tempo di 4’42”08. In terza piazza l’Ardenza (4’49”67). Chiude le fila il Labrone (5’13”57) che aveva goduto di un tifo particolare, fatto di fuochi di artificio sparati dai suoi tifosi dal piazzale della Terrazza Mascagni.

LE RAGAZZE DEL BORGO CAPPUCCINO ESULTANO PER LA VITTORIA NELLA GARA FEMMINILE (FOTO DANI)

LE RAGAZZE DEL BORGO CAPPUCCINI ESULTANO PER LA VITTORIA NELLA GARA FEMMINILE (FOTO DANI)

La seconda batteria è stata incerta fino agli ultimi metri. Una gara emozionante. Testa a testa serrato tra Salviano e Ovosodo per il primo posto. A sorpresa il Salviano si aggiudica la prima piazza in questo “girone a quattro” acquisendo così il diritto di entrare in finale e giocarsi il titolo tagliando il traguardo con il tempo di 4’45”84. In seconda posizione i biancogialli (4’46”08) che hanno soffiato il pass finale al Pontino, per pochi centesimi di secondo, classificatosi terzo con il tempo di 4’46”71. In ultima posizione il S. Jacopo che chiude con 4’53”07.
Prima della finalissima, la gara femminile, con soli due gozzi, che ha visto trionfare l’equipaggio del Borgo Cappuccini, con il tempo di 5’48”49, su quello dell’Ovosodo (6’11”61).

PUBBLICO DELLE GRANDI OCCASIONI ALLA TERRAZZA (FOTO DANI)

Le premiazioni domenica 26 luglio
21.30 – Cerimonia di premiazione alla Terrazza Mascagni. Sarà redatta una classifica, ma tutti gli equipaggi, indipendentemente dall’ordine di arrivo, saranno premiati con una medaglia d’oro per l’impegno che hanno saputo dimostrare durante il difficile periodo dell’emergenza sanitaria, continuando ad allenarsi, ognuno nelle proprie case, con i mezzi a disposizione.

Riproduzione riservata ©