Cerca nel quotidiano:


Karate. Accademia dello Sport: pioggia di medaglie

Lunedì 19 Febbraio 2018 — 18:28

Prima gara dell’anno per l’Accademia dello Sport BluBay Ford Livorno settore karate e primo grande successo in termini di partecipazione e risultati.
La scorsa domenica in occasione della seconda edizione della Coppa città di San Vincenzo la società labronica ha potuto farsi rappresentare in gara da ben 23 atleti che, con il loro entusiasmo e partecipazione, hanno fatto guadagnare ben 28 medaglie, 5 ori, 11 argenti e 12 bronzi. Bottino che ha permesso ai ragazzi dei Maestri Alessandro Fasulo, Carmelo Triglia e Alessio Magnelli, di guadagnare il 2° posto nella classifica generale per società sulle venti partecipanti arrivate da tutta la Toscana.

Tre le specialità in gara, prova tecnica palloncino, forma libera/kata e percorso a tempo per i più piccoli pre-agonisti e kata (forma) per le categorie agonistiche.

La gara ottimamente, organizzata dal M° Giorgio Ugrechelize con il patrocinio dal comitato provinciale Csen (Ente di Promozione riconosciuto dal Coni) diretto dal M°Alessandro Fasulo, ha visto la partecipazione di oltre 200 atleti in gara.

Questi i risultati per l’Accademia dello Sport BluBay Ford:

Nella prova Percorso, secondo posto per Nicola Ferri, Lorenzo Bertini, Robert Mihai, terzo posto per Francesco Puccinelli, Leonardo Magnelli e Melissa Cialandroni.

Nella prova Palloncino, primo posto per Nicola Ferri e Melissa Cialandroni, secondo posto per Leonardo Magnelli e Giada Calvaruso, terzo posto per Davide Bevilacqua, MihailJosan e Robert Bejan.

Nella Forma Libera, primo posto per Leonardo Magnelli, secondo posto per Nicola Ferri, Lorenzo Bertini e Melissa Cialandroni, terzo posto per MihailJosan.

Nelle categorie agonistiche di kata (forma), primo posto per Diego Caponera e Daniela Parlanti, secondo posto per Emanuele Magnelli, Marco Bini e Marco Pietroni, terzo posto per Isabella Marmeggi, Gabriele Sabattini, Federico Bini, Eleonora Mazzoni e Emanuele Pasquetti.

Bene anche le prove di Fabrizio Ionescu, Nicolas Pietroni e del debuttante Lorenzo Carelli.

 

Riproduzione riservata ©