Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Nuova maglia. Ti piace? Stadio agibile

Giovedì 28 Luglio 2016 — 16:53

Sono state presentate giovedì 28 luglio al centro Coni di Tirrenia le nuove maglie amaranto per la stagione 2016/17. Color amaranto, nomi e numeri scritti in giallo e sul petto lo sponsor “Gruppo Spinelli”. Qui nelle foto postate sull’account twitter della società amaranto si possono vedere le prime immagini di quelle che saranno le divise per quanto riguarda la prima maglia della stagione alle porte.
Maglia che sarà indossata nel match d’apertura di venerdì alle 21 all’Armando Picchi quando il Livorno incontrerà la Juve Stabia per la partita valevole per il primo turno di Coppa Italia.

Agibilità dello stadio: la relazione tecnica – “I risultati delle prove di carico sulla Tribuna Centrale, sulla curva sud, sulla nord e sulla gradinata, nonché sulle tribunette metalliche della gradinata, hanno mostrato comportamenti strutturali sistematicamente favorevoli e in linea con un giudizio di idoneità strutturale”. Sono queste le parole che concludono la relazione tecnica presentata formalmente in Comune oggi, giovedì 28 luglio, dall’ingegner Mauro Sassu, docente di tecnica delle costruzioni all’Università di Pisa, al quale l’Amministrazione comunale si è rivolta per avere un’interpretazione peritale delle prove di carico effettuate nei giorni scorsi allo stadio “A. Picchi” e commissionate alla società Laboratorio Sigma Etruria di Livorno.
stadio2Nella descrizione sintetica del documento le cinque zone di carico, quattro relative alla tribuna in cemento armato (tribuna centrale, curva sud, curva nord e gradinata) più una relativa alla tribunette aggiunte in lamiera metallica, vengono descritte come “rappresentative del comportamento strutturale dell’intero complesso delle tribune”. Ciò significa, in definitiva, che il superamento del test da parte di esse equivale ad un giudizio di idoneità strutturale complessivo su tutto lo stadio.
Idoneità che, risultati alla mano, c’è e riguarda sia gli aspetti statici che quelli sismici, anche in virtù del fatto che i carichi accidentali di prova sono stati convenientemente amplificati.
Le prove di carico, su esplicita richiesta del Comune, sono state spinte infatti a 750 deca Newton per metro quadrato) corrispondenti a 1,5 volte il valore fissato dalla vigente normativa ( di 500 daN/mq).
La relazione riferisce anche riguardo agli strumenti di carico utilizzati per le prove, specificando che è stato deciso di impiegare i contenitori di acqua perchè ritenuti più appropriati sia per la disponibilità di riserva idrica all’interno dello Stadio, sia perchè consentivano di avere una determinazione più chiara del carico stesso grazie alla misura dei volumi applicati sopra la tribuna.
Le prove di carico, si ricorda, sono state effettuate da lunedì 25 luglio a mercoledì 27 e in ciascuna di esse, come confermato anche nella relazione tecnica, l’entità degli spostamenti massimi rilevati è apparsa modesta e ampiamente in linea con la condizione di sicurezza ambientale.

 

Condividi:

Riproduzione riservata ©