Cerca nel quotidiano:


Armando Picchi-US Livorno 2-4, che remuntada!

Vittoria soffertissima del Livorno, Armando Picchi bello e senza paura. In rete per i padroni di casa Neri per due volte, di Vantaggiato e Torromino le doppiette per gli ospiti

Sabato 16 Ottobre 2021 — 17:10

di Filippo Ciapini

Mediagallery

È del Livorno la stracittadina contro il Picchi, ma che fatica (foto Us Livorno/Foto Novi). Amaranto cancellano il primo tempo disastroso e ribaltano una gara che si era messa davvero male. Dall’altra parte il Picchi gioca meglio per novanta minuti, anche con un uomo in meno, e prova in tutti i modi a portare a casa il risultato. La differenza dei singoli però si vede e nonostante uno strepitoso Neri, le qualità di Torromino e Vantaggiato hanno salvato il Livorno da una clamorosa debacle. Amaranto che nella seconda frazione accorciano le distanze dopo l’uno-due di Neri con Vantaggiato. L’episodio chiave arriva dopo un’ora di gioco: Quilici interrompe un’azione offensiva degli amaranto e riceve il secondo giallo. Il Picchi in 10 tiene banco più che dignitosamente ma una perla di Vantaggiato su punizione ristabilisce la parità. Toro di Brindisi che poi si procura un rigore, trasformato da Torromino al novantesimo e lo stesso Hulk sigillerà il punteggio con il Picchi oramai in nove. Complimenti però ai ragazzi di mister Nicola Sena che oggettivamente hanno giocato meglio con una squadra molto giovane, senza paura e pure di qualità.

A.Picchi – US Livorno
2-4
36′ e 41′ Neri (P), 46′ e 82′ Vantaggiato, 90′ e 92′ Torromino

LE PAGELLE

Pulidori 6: Forse leggermente impreparato sul vantaggio di Neri, non può nulla sul rigore. Per il resto gara sufficiente.

Franzoni 5.5: Impreciso, perde diversi palloni e spinge poco. Una giornata no capita a tutti. (Dal 60’ Pecchia 6.5: Entra e il Livorno cambia marcia. È sempre un pericolo sulla fascia e quando ingrana la corsa è difficile da fermarlo)

Palmiero 5.5: Passo indietro rispetto alle scorse uscite, provoca il rigore del 2-0.

Milianti 5.5: Tiene in gioco gli avversa sulla prima rete del Picchi, da lui ci aspettiamo più esperienza. (Dal 76’ Ghinassi 6: Da lì non passa più nulla. Un muro)

Giuliani 6: Non incide come dovrebbe, sale poco in attacco ed è contratto in difesa. (57’ Fontana 6: Non era facile entrare in un momento come quella, se la cava egregiamente)

Gargiulo 6: Soffre tantissimo la pressione avversaria e non riesce a trovare spazi per le sue verticalizzazioni. Sottotono.

Pulina 5.5: Si vede poco, spesso fuori dal gioco d’attacco. (60’ Bellazzini 6: Non è in condizione e si vede, anche se tocca pochi palloni dà un equilibrio alla squadra impressionante)

Gelsi 6.5: Corre e lotta, cerca di impostare e dare il via alle azioni amaranto. Deve migliorare tatticamente ed essere meno lezioso, ma il ragazzo ha grandi margini di miglioramento. (dal 76’ Apolloni 6.5: Questo ragazzo è davvero forte, in campo vale per due. Si vede da come si muove che un giocatore fuori categoria. E ha soltanto 21 anni)

Torromino 7.5: È il più vivace nel primo tempo, colleziona l’assist per il 2-1 e segna la sua prima doppietta in amaranto. Che bello vederlo giocare.

Vantaggiato 8: Che giocatore il Toro di Brindisi. Segna il gol che accorcia le distanze, poi la punizione magistrale del pareggio e il tiro dal dischetto procurato al 90esimo. Infine l’assist finale al compagno Hulk. Semplicemente fuori categoria.

Ferretti 5.5: La difesa lo marca stretto, oggi combina poco anche se fa a sportellate per novanta minuti.

Buglio 6: La vittoria lo salva dall’insufficienza, ma la squadra oggi ha giocato male. Poche verticalizzazioni spesso un atteggiamento a tratti anche presuntuoso. Da capire anche la scelta degli interpreti. Però non prendiamoci in giro, il Livorno ha vinto e basta così.

Le parole di Nicola Sena, allenatore del Picchi e Francesco Neri, capitano e autore di una bella doppietta:

Sena: Sono orgoglioso della prova dei miei ragazzi, per novanta minuti hanno tenuto la partita. Non volevo prendere il gol all’inizio del secondo tempo, eravamo posizionati male in area di rigore. Sono molto fiducioso. Oggi ci tenevo molto come partita e sono dispiaciuto per la squadra, ma la prestazione è stata ottima. Ho detto loro di stare a testa alta, il risultato non ha premiato la prestazione, andiamo avanti. La cosa che voglio è che questa rabbia venga trasformata in energia positiva.

Neri: Abbiamo fatto una buonissima prestazione però zero punti. Fare gol in questo stadio è bellissimo, da livornese. Non è bastato. Avere una squadra giovane come la nostra paga da un lato e dall’altro ti taglia le gambe. Ma va bene così”.

Le parole di Francesco Buglio:

Buglio: L’approccio non è stato sbagliato, le occasioni sì. Abbiamo perso tanti palloni in fase di possesso, andare in svantaggio di due gol viene accusata da qualsiasi calciatore. Quando dico nulla è dovuto e che bisogna avere rispetto di tutti è per questo. Siamo stati leziosi, lenti, poco aggressivi.  C’è ancora qualcosa da migliorare, questa partita mi dà molte letture e molto conoscenze da parte dei miei giocatori. Cosa ho detto ai giocatori tra primo e secondo tempo?  Niente, ci siamo capiti. Continuo a ripetere che dobbiamo essere umili e limare questi errori mentali che facciamo”.

Le parole di Giuseppe Palmiero e Federico Apolloni:

Apolloni: Fortunatamente ci ha premiato la costanza nel credere nel risultato. Giocare tra i tifosi è un’emozione unica ho tanti amici in gradinata e curva non ho resistito a salutarli. Ho fatto quello che mi ha chiesto l’allenatore, girare palla velocemente.

Palmiero: Il mister ci ha detto di entrare in campo con la mentalità da Livorno. La mia crescita? Merito dei miei compagni. Sul rigore ho provato ad accompagnarlo, è stato bravo lui ero sbilanciato e in episodi del genere l’arbitro fischia.

 

Riproduzione riservata ©