Cerca nel quotidiano:


Empoli-Livorno 1-1, un punto per ripartire

Amaranto in vantaggio con Marras su rigore, ma Mancuso pareggia subito i conti. Primo risultato utile per Tramezzani, che interrompe una serie di quattro sconfitte

Domenica 29 Dicembre 2019 — 23:00

Mediagallery

Al Castellani un risultato che permette al Livorno di muovere la classifica e interrompere una striscia di quattro sconfitte. Primo risultato utile per Tramezzani sulla panchina amaranto

di Simone Panizzi

Non serve a molto, ma almeno dà speranza. Il Livorno porta via un punto dal Castellani e muove la classifica, fatto che non accadeva da un mese (30 novembre a Cremona). La squadra ha giocato a viso aperto al cospetto di un Empoli pieno di talento ma sin qui incapace di esprimerlo: partiti col favore degli addetti ai lavori, gli azzurri di Muzzi sono a sorpresa invischiati in zona playout.
Tramezzani, che ha ottenuto il suo primo punto da quando è subentrato a Breda, decide di rivedere le proprie convinzioni tattiche e passa a un logico 4-3-3, con Di Gennaro di nuovo in difesa complici le numerose assenze, e Marsura recuperato nel tridente con Braken e Marras. Fuori dopo la brutta prova contro il Pescara sia Mazzeo che Morganella.
Gli amaranto hanno approcciato bene la gara, tanto da passare per primi in vantaggio al 19′ su calcio di rigore con Marras, dopo il fallo del portiere Brignoli su Marsura.
Come già accaduto altre volte in stagione il Livorno ha subito concesso il pari agli avversari, con Mancuso che al 23′ ha appoggiato in rete da pochi passi un tiro deviato di Ricci. Il Livorno perde le misure, e per tre volte prima della fine del primo tempo La Gumina sfiora il raddoppio.
Nella ripresa Luci e compagni abbassano il proprio baricentro, risultando inoffensivi dalle parti di Brignoli. È Plizzari invece a essere decisivo per due volte, prima su Mancuso e poi sull’ex di turno Pirrello. La partita si trascina stancamente fino al triplice fischio, con le due squadre condizionate dalla paura di perdere.
Il Livorno tornerà adesso in campo dopo la pausa invernale il 18 gennaio, quando al Picchi si presenterà la Virtus Entella. Dopo i recenti cambi nei ruoli in seno alla società, i tifosi sperano di poter vedere in campo anche qualche colpo di mercato che possa aiutare a risalire la classifica. Ad oggi, a -9 dai playout e a -11 dalla salvezza, l’impresa da compiere è quasi proibitiva.

 

IL TABELLINO

EMPOLI: Brignoli, Pirrello, Romagnoli, Maietta, Balkovec, Frattesi, Ricci S, Fantacci (63′ Bandinelli), Bajrami (63′ Dezi), La Gumina, Mancuso. A disposizione: Perucchini, Provedel, Donati, Nikolau, Veseli, Stulac, Piscopo, Belardinelli, Merola. All. Muzzi.
LIVORNO: Plizzari, Del Prato, Boben, Di Gennaro, Porcino, Agazzi, Luci (76′ Viviani), Rocca, Marras, Braken (88′ Pallecchi), Marsura (66′ Raicevic). A disposizione: Ricci M, Zima, Marie Sainte, Coppola, Rizzo L, Morelli, Morganella, Mazzeo, D’Angelo. All. Tramezzani.
Arbitro: Sozza di Seregno (assistenti Lombardo e Tardino, quarto uomo, Sacchi)
Reti: 19′ Marras (rig), 23′ Mancuso
Note: ammoniti Pirrello (E), Fantacci (E), Dezi (E), Balkovec (E), Porcino (L), Rocca (L), Viviani (L); calci d’angolo 5-3; recupero 1’+4′.

di Simone Panizzi

Plizzari 7: nessuna colpa sul gol, è reattivo su Pirrello e soprattutto su Mancuso.
Del Prato 5,5: in ritardo sul gol dell’Empoli, Mancuso si infila tra lui e Boben. Una pecca in una gara generosa.
Boben 5: concede agli attaccanti di casa almeno tre palle gol. Serata no, si distrae spesso dalla marcatura.
Di Gennaro 5,5: non giocava da una vita e viene rispolverato per necessità. Lascia qualche spazio di troppo a Mancuso.
Porcino 6: dopo gli errori col Pescara, decide di far cose semplici e di non lasciare spazi. Lo beffa solo una volta l’inserimento di Pirrello.
Agazzi 6: ringhia su tutti, non lo fa abbastanza su Ricci nell’azione del pari. Però si sfinisce nelle chiusure in mediana.
Luci 6: punto di riferimento in mezzo, ricicla palloni sporchi e avvia le azioni della squadra (76′ Viviani sv).
Rocca 5,5: un tiro a metà primo tempo e tante iniziative che si perdono sempre sul più bello. Non incide come avrebbe potuto.
Marras 7: implacabile dagli undici metri, ma forse quella è la cosa più facile della sua partita. Bel duello con Balkovec, gioca a tutto campo.
Braken 6: ottima protezione della sfera e appoggio per i compagni, come al solito manca in fase conclusiva. A Maietta e Romagnoli ha creato comunque problemi (88′ Pallecchi sv).
Marsura 5,5: ha il merito di guadagnare il rigore, ma gioca spesso da solo contro tutti (66′ Raicevic 6: entra nell’insolito ruolo di esterno sinistro, si mette a disposizione della squadra).
All. Tramezzani 6: squadra più viva rispetto alle prime due uscite sotto la sua gestione, si iniziano a vedere alcune sue idee di gioco. Adesso ha tempo per lavorare e per sperare in qualche nuovo innesto.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.