Cerca nel quotidiano:


Il Livorno presenta 5 nuovi acquisti

Presentati Giuseppe Stancampiano (portiere), Cristian Sosa (difensore), Andrea Gemignani (terzino destro/sinistro) e Andrea Bussaglia (centrocampista) oltre a Gianluca Piccoli (mezz’ala classe ’97), arrivato da pochi giorni

Venerdì 6 Novembre 2020 — 18:09

Mediagallery

Saltato, invece, l’arrivo di Andrea Mazzarani a causa della mancata concessione, da parte della Federcalcio, del contratto in deroga. L’ex Catania, almeno fino a gennaio, non sarà tesserato

di Lorenzo Evola

Se il pareggio con la Juventus Under 23 nel recupero della quarta giornata, da un lato ha permesso agli amaranto di racimolare altri punti preziosi dopo le due vittorie consecutive (in attesa della probabile penalizzazione che condizionerà inevitabilmente la classifica), dall’altro ha accentuato l’esigenza di inserire alcune pedine in grado di allungare una rosa di per sé già buona per la serie C (foto Lorenzo Amore Bianco). Pedine che, grazie all’arrivo della tanto agognata fideiussione, potranno finalmente dar manforte al (fin qui ottimo) mister Dal Canto. Parliamo di Giuseppe Stancampiano (portiere), Cristian Sosa (difensore), Andrea Gemignani (terzino destro/sinistro) e Andrea Bussaglia (centrocampista) – che si stavano già allenando da tempo con la squadra in vista dell’ufficialità – oltre a Gianluca Piccoli (mezz’ala classe ’97), arrivato da pochi giorni. Saltato, invece, l’arrivo di Andrea Mazzarani a causa della mancata concessione, da parte della Federcalcio, del contratto in deroga. L’ex Catania, almeno fino a gennaio, non sarà tesserato.

IL DIESSE AMARANTO RUBINO

“Sono dispiaciuto per il mancato arrivo di un elemento importante (Mazzarani, ndr), ma sono sicuro che questi ragazzi ci daranno una grossa mano. Volevamo ringiovanire un po’ la rosa e garantire al mister un numero congruo di giocatori per affrontare la stagione”, ha esordito il Ds Raffaele Rubino durante la presentazione dei nuovi acquisti, lasciando poi la parola ai protagonisti di giornata.

“Sono orgoglioso di essere qui ed indossare una maglia come questa – ha dichiarato il nuovo portiere, già in campo nel turno infrasettimanale e autore, tra l’altro, di diversi interventi determinanti – Ho visto lo spirito giusto da parte di tutti. Dispiace di non aver vinto mercoledì, ma giocavamo contro una grande squadra alla quale abbiamo concesso pochissimo, dobbiamo essere soddisfatti. È vero che avevo altre opzioni di mercato, ma ho voluto aspettare sia per l’importanza di questa squadra, sia per la parola data al diesse Rubino”.

Gli fa eco Gemignani, anch’egli all’esordio contro la Juve Under 23: “Sono sicuro che otterremo grandi risultati, esordire con questa maglia è stato emozionante. Non sono ancora al 100% perché sono stato fermo per cinque mesi, ma spero di raggiungere subito la forma ideale. Sono uno a cui piace spingere, ho sempre giocato sia a destra che a sinistra, non trovo grandi differenze nel giocare da una parte o dall’altra”.

“Sono un difensore aggressivo, come da tradizione sudamericana – chiarisce subito Cristian Sosa, l’elemento d’esperienza che mancava alla retroguardia amaranto – Nonostante il periodo un po’ complicato ho trovato il gruppo molto carico e determinato, ci sono molti elementi di qualità, ma dobbiamo pensare prima di tutto a salvarci, poi vedremo partita dopo partita. Mi trovo molto bene a giocare a tre dietro, seguire l’uomo, pressare alto, ma ho giocato tanto anche a quattro, non è un problema”.

Ci sarà, invece, da aspettare ancora un po’ per vedere all’opera Andrea Bussaglia, che ci tiene però a rassicurare tutti sulle proprie condizioni: “Ho un piccolo stiramento ma tra un paio di settimane spero di tornare a disposizione del mister per dare una mano a questa squadra. Sono un giocatore di gamba, di inserimento, di intensità e mi piace adattarmi in più ruoli a seconda delle esigenze del mister. I due anni di Cittadella sono stati importanti, ma credo che quando ti chiama il Livorno in una categoria minore, non si possa considerare un passo indietro nella propria carriera. Qua c’è ambizione, progettualità e volontà di fare qualcosa di importante”.

Infine due battute anche dell’ultimo arrivato, Gianluca Piccoli: “Sono arrivato da due giorni quindi dovrò ambientarmi, ma ho visto un gruppo sano, con grandi valori. Mi definisco una mezz’ala di aggressività, che porta equilibrio e a cui piace sacrificarsi. Non mi dispiace giocare anche nei due di centrocampo. Ho scelto Livorno perché è una società storica, un ambiento diverso da quelli in cui sono stato in precedenza, per me è solo un onore essere qui”.

Riproduzione riservata ©