Cerca nel quotidiano:


Il Livorno “taglia” il Prato

Seconda vittoria consecutiva per gli amaranto che hanno la meglio sul Prato per 3-1 grazie ai gol di Gasbarro, Galli e Luci

Sabato 25 Marzo 2017 — 20:18

Mediagallery

E con questa sono due vittorie consecutive. Un toccasana per un Livorno che sta piano piano ritrovando la sua vera identità, smarrita dopo la maledetta partita interna contro il Como. Foscarini aveva detto che voleva vedere dei segnali dalla sua squadra; sicuramente avrà di che sorridere anche se i tre punti sono arrivati magari soffrendo più del previsto. Merito anche di un Prato che, dopo un girone di andata ai limiti del disastroso, sta risalendo la china (LA CRONACA). Questo successo proietta gli amaranto a meno quattro dalla Cremonese. D’accordo che l’obiettivo è vincere più partite possibili per poi fare i conti alla fine, ma intanto mettiamo un po’ di pressione ai grigiorossi e proviamo a dare la caccia a quel secondo posto che ci spetterebbe di diritto visto tutto quello che è successo (LA CLASSIFICA).

La vittoria di Prato è stata figlia delle mosse di Foscarini. Ha riproposto Venitucci e dal suo piede è nato il gol dell’1-0. Ha schierato un centrocampo a quattro facilitando la spinta degli esterni e proprio da uno di questi, Galli, è venuto fuori il raddoppio. Potremo stare qui a chiederci “con una squadra vera, dove sarebbe stato ora il Livorno?” ma faremo solo del male a noi stessi. Gli amaranto hanno dimostrato che sanno rialzarsi. Lo hanno fatto proprio nel match di andata contro il Prato e si stanno ripetendo anche ora. Sarà anche sfuggita la promozione diretta, ma questi giocatori sono la prova che se ci sono a livello mentale possono davvero arrivare fino in fondo.

Uno-due – Come detto, Foscarini ha cambiato lo schieramento mettendo, per il momento, in soffitta il 3-5-2 in favore di un 3-4-1-2 più offensivo. Venitucci dietro le punte è apparso in crescendo e se continua così potrà finalmente dare una variante tattica al suo allenatore. Fin dai primi minuti, gli amaranto hanno preso possesso del centrocampo grazie ad un Valiani sontuoso e al muro eretto da Luci davanti la difesa. Il Prato ha risposto soltanto con qualche tiro da fuori area sui quali Mazzoni ha sempre fatto buona guardia. In partite così, il Livorno ci va a nozze e il doppio vantaggio ad opera di Gasbarro e Galli è stato più che meritato. Peccato che nel finale è arrivato l’ennesimo errore di concentrazione che ha permesso a Tavano di accorciare le distanze.

Luci gol – La rete subita sicuramente avrà fatto infuriare Foscarini tant’è che il Livorno è tornato in campo come se stesse sullo 0-0. A scacciare tutti i fantasmi di una possibile rimonta pratese ci ha pensato Luci che ha chiuso i conti con un potente destro. Avanti di due gol, questa volta gli amaranto non hanno commesso errori e si sono limitati a gestire il vantaggio senza particolari problemi. Foscarini ha concesso riposo a Venitucci, ancora non al top, e ha aumentato il minutaggio di Vantaggiato. Proprio dal pieno recupero di questi due giocatori passano le speranze di agganciare il secondo posto.

Il tabellino
Prato: Melgrati, Martinelli, Ghidotti (73′ Catacchini), Marzorati, Tomi; Checchin, Ceccarelli (45′ Piscitella), Di Molfetta, Gargiulo, Moncini, Tavano (62′ De Marchi). In panchina: Layeni, Catacchini, Romano, Carcuro, Danese, Malotti, Benucci, Beduschi. All. Monaco
Livorno: Mazzoni, Benassi, Borghese, Gasbarro; Galli (45′ Toninelli), Valiani, Luci, Franco, Venitucci (55′ Marchi), Maritato, Murilo (75′ Vantaggiato). In panchina: Vono, Gemmi, Morelli, Ferchichi, Calil, Dell’Agnello. All. Foscarini
Arbitro: Chindemi di Viterbo
Rete: 33′ Gasbarro, 40′ Galli, 45′ Tavano, 58′ Luci
Note: angoli 5-4 per il Prato, ammoniti Galli, Venitucci, recupero 1′ + 3′

Mazzoni 6: incolpevole sul gol di Tavano, viene impegnato pochissime volte.

Benassi 6,5: sicuro e preciso nelle chiusure. Ha detto che con le sue prestazioni vuole guadagnarsi il rinnovo. Se continua così metterà nero su bianco a breve.

Borghese 6,5: giganteggia come sempre e comanda la difesa con la stoffa del leader. Il voto sarebbe più alto se non si fosse lasciato sorprendere da Tavano nel finale di primo tempo.

Gasbarro 7: dopo Cremona, timbra nuovamente il cartellino con un preciso colpo di testa. Gas Gas è tornato e questa volta, speriamo, non si ferma più.

Galli 6,5: non avrà il passo di Jelenic, ma si conferma un gran bel giocatore. Splendido il destro con cui realizza la seconda rete. Mezzo voto in meno per il troppo nervosismo palesato nel finale di primo tempo che ha costretto Foscarini al cambio (45’ Toninelli 6: si mette a destra e si limita a contenere le avanzate avversarie).

Luci 7: finalmente una prova degno del miglior Luci. Insuperabile a centrocampo, preciso nelle chiusure e come se non bastasse mette a segno la rete del 3-1. Capitano mio capitano.

Valiani 6,5: la solita prestazione sopra le righe. Lo vedi in tutte le parti del campo e capisci che il Livorno non può fare a meno di lui.

Franco 6: spinge meno rispetto a Galli però offre sicurezza a tutta la corsia sinistra. A Salerno non giocava più, qui è rinato.

Venitucci 6: tornato in campo dopo l’infortunio, sforna l’assist a Gasbarro per il vantaggio amaranto. Si vede che non è ancora al top ma la sua prova è stata incoraggiante (55’ Marchi 6: entra e il Livorno segna la terza rete che chiude il match. Lui però corre e lotta come se il risultato fosse 0-0).

Murilo 6: non riesce a bissare la rete segnata contro la Viterbese. Cerca l’intesa con Maritato ma non trova il guizzo vincente (75’ Vantaggiato sv).

Maritato 6: si vede che il gol gli manca tantissimo. Il buon Piergiuseppe si danna l’anima in attacco ma anche oggi non gli sono arrivati i giusti palloni.

All. Foscarini 6,5: coglie la seconda vittoria consecutiva e si riavvicina al secondo posto. Indovina tutte le mosse e rilancia nuovamente le ambizioni degli amaranto.

PRATO

Melgrati 5: non è apparso esente da colpe in tutti e tre i gol incassati.
Martinelli 5,5: non nella sua giornata migliore, va spesso in difficoltà.
Ghidotti 6: l’unico che si salva nella retroguardia pratese (75’ Catacchini sv).
Marzorati 5,5: l’esperienza non lo aiuta. Affonda insieme alla nave.
Tomi 5: in costante difficoltà per tutto il match.
Checchin 5: male anche lui nel cuore del centrocampo.
Ceccarelli 5: soltanto una fiammata, poi non si fa mai vedere. Giusto il cambio (45’ Piscitella 5: non fa niente per non far rimpiangere il compagno).
Di Molfetta 6,5: imprendibile quando ti punta, distratto in difesa quando si perde Gasbarro in occasione del gol.
Gargiulo 6: un altro dei pochi che ci prova fino in fondo. Sue tutte le conclusioni da fuori area.
Moncini 5: pochissimo supporto alla fase offensiva.
Tavano 6: per una volta si ricorda di giocare contro la sua ex squadra e si toglie la soddisfazione di segnare (64’ De Marchi 5,5: qualche buono spunto ma non trova mai la porta).
All. Monaco 6: la sua squadra stava attraversando un buon momento di forma. Uno stop contro una corazzata come il Livorno non deve compromettere il suo lavoro.

 

 

Riproduzione riservata ©

CERCHI VISIBILITÀ? CONTATTACI: 1,1 MILIONI DI PAGINE VISTE AL MESE E OLTRE 60.000 ISCRITTI SUI SOCIAL. PER PREVENTIVI HTTPS://WWW.QUILIVORNO.IT/RICHIESTA-PREVENTIVO-BANNER/ OPPURE [email protected]

GRAZIE!


6 commenti

 
  1. # Franco

    E tanto avete giocato con il paris saint germain!

  2. # Lore444

    Siate onesti e smettete di giocare a calcio che non siete buoni

  3. # Benito

    …wow la prossima con chi? Real Madrid o Barcellona? Con un titolo così dovremmo avere almeno 20 punti di distacco dalla seconda,invece sverneremo in lega pro per molto molto tempo

  4. # Altiero

    Sarebbe ora di cominciare a collezionare vittorie serie giocate con squadre forti veramente degne di essere in B.

  5. # enrico65

    Boia ma nn siete mai contenti!! Siamo in lega Pro nn in serie A!!!

  6. # Vipera

    Buon PRO vi faccia!!!………..