Cerca nel quotidiano:


Livorno-Ascoli 1-0. Finalmente i tre punti! Lucarelli: “Vinta una battaglia”

Il Livorno coglie il primo prezioso successo in questo campionato. Battuto l'Ascoli grazie al gol nel primo tempo di Raicevic. Il tecnico amaranto rinsalda la sua panchina

sabato 27 ottobre 2018 16:14

Mediagallery

Ci sono volute otto partite, ma alla fine anche il Livorno coglie il primo prezioso successo in campionato. E lo fa contro una diretta concorrente per la salvezza, l’Ascoli. Che, eccezion fatta per un colpo di testa di Frattesi, non è mai riuscito a rendersi pericoloso dalle parti di Mazzoni. La vittoria in casa amaranto serviva come il pane soprattutto dal punto di vista morale. I soli due punti in classifica, il peggior attacco e un gioco che latitava rischiavano di essere un peso troppo grande da poter sopportare. Invece con questi tre punti tutto l’ambiente può finalmente tirare un sospiro di sollievo. Attenzione però a pensare che i problemi siano risolti, il lavoro da fare è ancora tanto. Tuttavia dopo la buona prestazione di Benevento, ecco arrivare un’altra partita ben giocata da Valiani e compagni che adesso dovranno ripetersi mercoledì nel turno infrasettimanale contro la Salernitana.

Quella contro l’Ascoli era la classica partita da dentro o fuori. Soprattutto per Lucarelli. Nonostante le smentite di rito da parte di Spinelli, la sua panchina era molto a rischio. Questo successo servirà anche al tecnico per lavorare con maggiore serenità. I tifosi sono tutti dalla sua parte come testimonia lo striscione “Lucarelli non si tocca”. Adesso il tecnico deve cercare di continuare su questa strada per togliere il Livorno dalla parte bassa della classifica.
La partita non è stata certamente spettacolare. La posta in palio era alta e a risentirne è stato lo spettacolo. Solito 3-5-2 per gli amaranto con la sorpresa di Gasbarro dal primo minuto. Davanti, vista la squalifica di Murilo e l’infortunio di Giannetti, ecco Raicevic. Mossa azzeccata visto che è proprio l’ex Vicenza, con un tocco da dentro l’area di rigore, a portare in vantaggio i padroni di casa sul finire del primo tempo. Nella ripresa l’Ascoli ha provato a riequilibrare il match ma l’unica occasione è stata un colpo di testa di Frattesi ben parato da Mazzoni. Di contro il Livorno ha protetto come l’oro il prezioso vantaggio e al triplice fischio grande gioia da parte di tutto l’ambiente. Avanti così.

Il tabellino
Livorno
: Mazzoni, Gonnelli, Dainelli, Gasbarro, Maicon (50′ Pedrelli), Valiani (89′ Agazzi), Bruno, Rocca, Fazzi, Diamanti, Raicevic (75′ Kozak). A disp: Zima, Di Gennaro,  Iapichino, Soumaoro, Parisi, Albertazzi, Maiorino, Giannetti, Canessa. All. Lucarelli
Ascoli: Perrucchini, Laverone, Valentini, Padella, D’Elia, Casarini (62′ Frattesi), Troiano, Cavion (78′ Baldini), Ninkovic, Ganz (55′ Rosseti), Beretta. A disp: Lanni, Bacci, Brosco, Quaranta, Addae, De Santis, Zebli, Kupisz, Ngombo. All. Vivarini
Arbitro: Dionisi di L’Aquila
Rete: 41′ Raicevic
Note: angoli 10-6 per il l’Ascoli, ammoniti Dainelli, Casarini, spettatori 5.452, recupero 0′ + 4′

dI Simone Panizzi

Mazzoni 6,5: la parata più difficile (colpo di testa di Frattesi) arriva a 5’ dalla fine, ma è sempre una presenza rassicurante tra i pali.

Gonnelli 6: gli attaccanti ascolani si muovono molto ma non lo infastidiscono più di tanto.

Dainelli 6,5: calamita preziosa per le palle alte e quelle sporche che rimbalzano negli ultimi venti metri.

Gasbarro 6,5: gara molto positiva, sfiora il gol e salva una volta a Mazzoni battuto.

Maicon 6: poco propositivo, rimane rintanato nella propria metà campo senza mai attaccare la profondità (50’ Pedrelli 6: col Livorno in vantaggio si preoccupa di chiudere ogni possibile varco).

Valiani 7: la sua miglior partita stagionale, sia per continuità che per qualità (90’ Agazzi sv).

Bruno 6,5: prezioso come al solito in fase di rottura del gioco avversario, anche se è spesso impreciso negli appoggi. Ma nel finale alza il muro davanti all’area di rigore.

Rocca 6: fa cose molto buone, ma manca nel momento in cui potrebbe diventare decisivo. Se fa questo passo avanti non esce più dall’undici titolare.

Fazzi 6,5: riscatta la partitaccia di Benevento con l’assist per il gol di Raicevic e molte buone iniziative sulla corsia mancina.

Diamanti 7: per la voglia che ci mette potrebbe vincere la partita da solo. Corre e rincorre dall’inizio alla fine, prende falli, gestisce i ritmi: vero uomo squadra.

Raicevic 7: puntuale nell’appoggiare col piattone il cross di Fazzi, da solo tiene occupata l’intera difesa ospite. Un pieno di autostima che non può che far bene (76’ Kozak sv).

All. Lucarelli 6,5: Livorno concentrato, ben disposto in campo e deciso a far la guerra all’Ascoli. Il risultato lo premia, i tre punti sono una boccata d’aria per una classifica che iniziava a preoccupare.

LE INTERVISTE di Simone Panizzi

Mister Lucarelli: abbiamo visto un Livorno sporco e cattivo, si doveva vincere e i tre punti sono finalmente arrivati.
“Diciamo che è la risposta caratteriale che un po’ tutti ci aspettavamo, una partita da Livorno. Nonostante nel secondo tempo la squadra abbia avuto occasioni per chiuderla, la partita è stata equilibrata come da tradizione per la Serie B. Oggi è stata una delle tante battaglie che ci saranno in stagione e siamo riusciti a portarla a casa. Non abbiamo risolto i nostri problemi oggi, sappiamo che sarà dura fino all’ultimo”.

Oggi ci siamo tolti un peso, forse inizia adesso il nostro campionato.
“Per fortuna giochiamo subito, così potremo mantenere alta la concentrazione in vista di mercoledì. Tante risposte sono state buone, sono convinto che ci siano diverse squadre al momento sopra di noi in classifica che sono al nostro livello”.

Sullo striscione in curva “Lucarelli non si tocca”.
“Striscioni me ne hanno fatti tanti, ma questo ha un significato particolare. Ringrazio i tifosi per il pensiero, come per averci sostenuto per tutti i novanta minuti”.

La scelta di Raicevic ha pagato.
“Di certo non scopro io le qualità di Raicevic, vogliamo aiutarlo a convincersi che alla sua età nulla è perduto ed è ancora in tempo per una carriera di grande livello. Ha mezzi fisici ma anche tecnici. Non ha fatto il ritiro, per cui c’era da aspettarlo un po’. Oggi ha fatto una grande prestazione, deve giocare in area di rigore”.

Riproduzione riservata ©

Photogallery

35 commenti

 
  1. # AiutateCi

    I go chi li fa? Forse Dainelli su calcio d’angolo, sempre che riusciremo a guadagnarne uno

  2. # giancarlo

    IO NELLA NOSTRA AREA CI PIAZZEREI QUATTRO O CINQUE MANICHINI , FORSE QUALCHE PALLONE CI SBATTEREBBE … NON COLPIAMO UNA PALLA ALTA NEPPURE SE SIAMO IN 10 E L’AVVERSARIO E’ SOLO !!!

  3. # Amaranto67

    Ci prenderanno a pallonate pure oggi?

  4. # Anastasi

    Scusate ma forza bianconeri!!

    1. # AiutateCi

      Ci mancherebbe, giustamente ognuno tifa chi vuole.

    2. # vraie55

      Anastasi … sta perdendo pure la Juve: porti bene!

      1. # Anastasi

        Empoli Juve 1-2 grazie porto bene

  5. # AMARANTO

    Lucarelli, fai giocare il giovane Canessa che è parecchio bravino e che farà parlare di se: prima che qualche altra squadra ce lo soffi via, valorizzalo.

    1. # Livorno 23

      I giovani si inseriscono un po’ alla volta. Quando le cose non vanno bene o sei Messi o nessun allenatore rischia…

      1. # vraie55

        vero .. il bravissimo Canessa non deve finire a Canossa

  6. # vedolontano

    Penso che il Livorno uscirà dalla crisi. Da oggi. Poi festeggio con un 5 e 5.

  7. # Fabio

    Una casualità.. vediamo la prossima.
    Ps- ogni tanto pubblicate un commento a questo giro non ho rammentato l’intoccabile che oggi ha avuto un colpo di …

  8. # Enrico65

    Buona prova anche se i problemi restano nel costruire e finalizzare ma è stata ed è importante questa vittoria per il morale per il gruppp e per tutti noi che per 7 partite abbiamo patito!!ps: gran san mazzoni!!

  9. # Alfonso

    O LINGUACCE……FORZA LIVORNO SEMPRE….

  10. # Dr. Baciocca

    Ho visto un buon Livorno, mi sono divertito, grande volontà, grinta, voglia di fare risultato.
    Ora bisogna dare continuità, questa vittoria ci voleva come il pane.
    SEMPRE FORZA VECCHIA UNIONE SPORTIVA LIVORNO.

  11. # Traf

    Via giu’…per una settimana i corvi non fanno vita. Niente comnenti su qui livorno, la suocera che ni comanda in casa, la moglie coi bigodini…
    Brutta la vita da frustrato. Bye bye

  12. # vraie55

    Ci vuole un livornese a Livorno, Comunista ma Cristiano

    1. # Nevo

      Perché esistono ancora i Comunisti…???…e poi il Calcio non deve avere una bandiera politica. Livorno e sempre andata con le correnti, sono riusciti a votare un Sindaco M5S….comunque il colore della squadra è uno solo AMARANTO….avanti così anche se non c’è gioco si è mossa la classifica. Per mangiare il panettone la strada è ancora lunga.

      1. # vraie55

        .. sono d’accordo sul colore delle maglie (forza Livorno!): un amaranto carico. Purtroppo soldi, affari e politica “non riescono” a star fuori dal campo di calcio e anche noi ce la portiamo addosso pure se ci si fa la doccia prima di andare allo stadio

  13. # Stefano

    Cristiano-Igor l’unica accoppiata che potrai giocare sempre vincente. Per la maglia amaranto non tradiscono mai e se questa squadra è battagliera lo dovete a questi signori. Possiamo solo lottare ogni sabato i ragazzi sono questi e con questi dobbiamo conquistare la salvezza. Forza ragazzi forza solo Livorno.

  14. # Stefano

    Questa e’ la squadra che ci hanno consegnato con questi dobbiamo fare squadra di guerrieri e combattenti tecnicamente molto sotto la media . con cristiano e igor al suo posto possiamo combattete fino in fondo pur sudando ogni sabato ma se questi hanno appartenenza alla maglia e’ grazie a questi due che l amaranto non tradirebbero mai . forza livorno forza ragazzi

  15. # Roberto

    Ero allo stadio. Mi pare di aver sentito piú volte il coro Duce, Duce, da parte dei molti tifosi ascolani.
    Mi chiedo se é legittimo.
    Se non contrasta la Legge Mancino e ancora di piú la Costituzione.

    1. # archimede2

      presenta un esposto denuncia in procura…!!! Altrimenti parliamo di calcio

  16. # fierezza labronica

    grandi traf e stefano. Finalmente 2 veri livornesi fieri e senza complessi e pieni d’appartenenza… per tutti gli altri mezzi tifosi invece vi aspetta lo juventus stadium… come vi piace vincere facile ehhh? E vi pare anche d esse ganzi a riempivvi la bocca con squadre che non vi appartengono nemmeno.

  17. # maremosso

    L’ impegno profuso da Valiani e Diamanti è stato commovente. Un grazie veramente sincero. Ora provare a strappare in tutti i modi un pareggio a Salerno, per quanto sia difficile immaginare questa squadra senza Alino. Però a questo punto c’ è da dire una cosa: contro squadre di pari livello sono arrivati due pareggi in trasferta ed una vittoria in casa, e con Pescara, Crotone e Benevento avremmo meritato il pari. Perciò, solo contro Lecce e Spezia la squadra è apparsa nettamente inferiore all’ avversario, che di fatti è di un altro livello. Stando così le cose, è ingiusto bocciare Lucarelli. Colgo così l’ occasione di fargli i miei migliori auguri, e mi preme ricordare che nella storica stagione 2003-2004 la grande rincorsa verso la A iniziò proprio dalla doppia sfida con Ascoli e Salernitana, anche se nell’ occasione prima con i campani e a seguire con i marchigiani. Non solo, ma quelle due partite segnarono la vera esplosione di Cristiano, che fino alla partita di Salerno aveva realizzato solo 8 reti in 23 partite e saltandone cinque, mentre da quel momento segnandone 21 in 18 partite, a cominciare dalla decisiva doppietta di Salerno e dall’ altrettanto decisiva rete casalinga con l’ Ascoli. Che questo ricorso storico sia auspicio di rinascita, anche se in questo caso essa non potendo che significare solo SALVEZZA. E domenica prossima, chi è tifoso venga allo stadio. Basta fare gli allenatori, torniamo ad essere tifosi. Solo così la squadra può conservare la B, che per una città come Livorno è il minimo.

  18. # Nautilus

    Alino è sempre Alino,

  19. # Forza ragazzi

    Si c’hanno preso a pallonate ma… Abbiamo vinto noi… Sei infelice?

  20. # Complimenti sindaco

    Che il signor sindaco invece di vietare un corretto e una birra allo stadio …. Pensi a risanare una città con posti di lavoro

    1. # Beppino

      Concordo pienamente.

  21. # Giova 67

    Buona partita… vitroria cercata anche perche’ l’Ascoli si e’ dimostrata una buona squadra..menomale non c’era Ardemagni…detto inter-nos…molto bene Fazzi ha trovato la giusta posizione,il solito grinta a go-go e classe Alino Diamanti,
    sempre bene Valiani…peccato avrebbe potuto segnare se si fosse spostato un po a destra prima di calciare…lui non si sa’ dove trovi tutta questa grinta…menomale…SUPER MAZZONI..come al solito del resto…si è sbloccato anche Raicevic…questo ARMADIO…a sei ante se si sblocca ci può dare grandi resultati..(dio lo volesse) però continuo a dire che LUCI E MURILLO servono come il pane…uno mette ordine in mezzo…l’altro spinge e corre in profondità. …mi sta’ piacendo anche Rocca..ci mette corsa e anima…bene anche la difesa con Dainelli e C. che mettono ordine…sotto il profilo impegno..VOTO 10 A TUTTI….FORZA LIVORNO. …CREDIAMOCI…

  22. # Sergio

    La prima vittoria del campionato.. Fossi in Lucarelli mi vergognerei un po’.. Altro che esultare..

    1. # meglio mosse

      verissimo….ah ah ah….

  23. # Giova 67

    OPS….MI ERO SCORDATO. ….AUGURI DI BUONA E PRONTA GUARIGIONE AL NOSTRO BOMBER GIANNETTI…..RIMETTITI PRESTO….CHE IELLA!!!..E IMBOCCA AL LUPO (CREPI) PER L’OPERAZIONE…..

  24. # Morchia

    Vedo ancora che c’è chi ce l’ha con i cosiddetti gufi (contenti loro…), ma mettersi i prosciutti sugli occhi non aiuta nessuno. Se uno vuol dare la colpa ai gufi lo faccia pure, ma senza un minimo di contestazione la squadra e l’allenatore rimangono questi e pensate davvero che come siamo messi ora alla fine ci si salva? La fede dei tifosi non dà punti in classifica, ci vogliono le vittorie, altrimenti avremmo più Champions del Real Madrid

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive