Cerca nel quotidiano:


Livorno-Cremonese 1-2, amaranto retrocessi in C

L'ennesima sconfitta interna sancisce la matematica discesa nella categoria inferiore in virtù dei risultati dagli altri campi. Decide una rete di Valzania nel recupero dopo i gol di Ciofani e Coppola

Venerdì 10 Luglio 2020 — 23:10

Mediagallery

Ventiduesima sconfitta per il Livorno in stagione, che saluta la serie B dopo appena due stagioni dall'ultima promozione

di Simone Panizzi

Quello che era nell’aria da settimane si è infine concretizzato: il Livorno è retrocesso in Serie C. Gli amaranto perdono in casa con la Cremonese e in virtù del pari della Juve Stabia e della vittoria dell’Ascoli vedono aumentare a 16 i punti di distacco dal quartultimo posto, valido per i playout. Un divario troppo ampio da colmare con appena 5 giornate ancora da giocare.
Nessuna sorpresa, visto il ruolino di marcia della squadra da inizio anno, ma l’amarezza per aver gettato alle ortiche una categoria che poteva essere salvata con maggior programmazione e con scelte oculate da parte della società, che quest’anno ha fallito sotto molteplici punti di vista.
Ci sarà tempo per le valutazioni finali, ma il campo ha dato il suo primo verdetto. Resta ora da vedere con che spirito verranno affrontate le restanti partite.
Passando alla cronaca del match contro la Cremonese, il Livorno ha dato almeno battaglia lottando con i propri mezzi al cospetto di una squadra tecnicamente superiore. Dopo un’occasione per Palombi in avvio, la gara si accende nel finale del primo tempo con il gol di Ciofani, bravo a anticipare Coppola di testa. Al 55′ è lo stesso Coppola a segnare ancora di testa, lui che è alto oltre due metri, il momentaneo pari su azione d’angolo.  Gli ospiti iniziano a premere, ma senza creare occasioni nitide. Come successo a Trapani, sono i minuti di recupero a tradire: al 91′ Valzania indovina il destro vincente da fuori area. È il gol che sancisce la retrocessione, la peggior conclusione possibile di una stagione che nessun tifoso avrebbe voluto vivere.

LE FORMAZIONI

LIVORNO: Plizzari, Boben, Coppola, Bogdan, Morelli (77′ Trovato), Luci (53′ Ruggiero), Del Prato, Awua, Seck, Murilo (77′ Braken), Marsura (70′ Fremura). A disposizione: Neri, Ricci, Marie Sainte, Porcino, Nunziatini, Pecchia,  Mazzeo, Pallecchi. All. Filippini.
CREMONESE: Ravaglia, Bianchetti (85′ Zortea), Ravanelli, Terranova, Mogos, Valzania, Castagnetti (74′ Arini), Gustafson (61′ Piccolo), Palombi (61′ Parigini), Ciofani, Gaetano (74′ Celar). A disposizione: Volpe, Scarduzio, Claiton, Ceravolo, Kingsley, Boultam. All. Bisoli.
Arbitro: Rapuano di Rimini (assistenti Miele e Ruggieri, quarto uomo Feliciani)
Reti: 36′ Ciofani, 55′ Coppola, 91′ Valzania
Note: calci d’angolo 3-6; ammoniti Murilo (L), Ravanelli (C), Parigini (C); recupero 0’+5′.

di Simone Panizzi

Plizzari 6: reattivo in avvio su Palombi, può solo guardar entrare il colpo di testa di Ciofani e il destro di Valzania.
Boben 6,5: partita in cui sbaglia pochissimo, è sempre concentrato sull’uomo.
Coppola 6,5: paga dazio a Ciofani che segna d’esperienza, ma si riscatta con il primo gol tra i professionisti.
Bogdan 6: meno preciso dei compagni di reparto, non commette errori di rilievo.
Morelli 5,5: rivede il campo dopo una vita, soffre nel tenere il passo degli avversari (77′ Trovato sv) .
Luci 5,5: giochicchia in mezzo al campo, ma non ha la verve dei giorni migliori ed è comprensibile (53′ Ruggiero 5,5: fa densità in mediana ma qualità ne mostra poca).
Del Prato 6: come al solito viene rimbalzato fra più ruoli, cerca di orientarsi senza perdere la bussola.
Awua 6,5: si dimostra uno dei pochi all’altezza della categoria nell’anno della retrocessione. In C sarebbe un lusso.
Seck 5,5: timido come sempre a sinistra, non riesce mai a affondare in fascia.
Murilo 5,5: si sbatte molto, ma gioca da solo contro tutta la difesa di Bisoli. Almeno ci mette voglia (77′ Braken sv)
Marsura 5,5: avrebbe i mezzi tecnici per far di tutto, si perde sempre nelle stesse giocate (70′ Fremura sv).
Filippini 6: altra sconfitta dignitosa, cerca di ottenere il massimo da quel poco che passa il convento.

Riproduzione riservata ©

Photogallery