Cerca nel quotidiano:


Livorno-Lecce 3-1. Squadra premiata per la promozione in B

Il Livorno si congeda dal proprio pubblico con una vittoria ai danni del Lecce nella seconda giornata della supercoppa di serie C. Al termine della partita gli amaranto sono stati premiati per la vittoria del campionato

Sabato 19 Maggio 2018 — 23:39

Mediagallery

di Riccardo Campopiano e Simone Panizzi

Il Livorno chiude la propria stagione con una vittoria nella seconda giornata dalla Supercoppa di serie C riscattando parzialmente la sconfitta nella gara inaugurale contro il Padova (fotogallery in fondo all’articolo). In una partita avara di motivazioni, gli amaranto si sono congedati dal proprio pubblico con una vittoria ai danni del Lecce. Al termine dal match, Luci e compagni sono stati premiati dal presidente della serie C Gravina per aver vinto il campionato. Ora l’attenzione si sposterà inevitabilmente a Genova. Lunedì 21 maggio infatti si svolgerà un summit alla presenza del presidente Spinelli dove verranno definiti l’organigramma societario e la posizione di Sottil.

La partita – Il match è stato quasi un monologo del Livorno che voleva chiudere in bellezza la stagione dopo la brutta figura rimediata a Padova. Sottil doveva fare i conti con una rosa ridotta all’osso a causa di infortuni e squalifiche. Scelte quasi obbligate quindi per il tecnico che tuttavia non ha rinunciato al 4-3-3. La partita si è messa subito in discesa per gli amaranto grazie alle reti di Morelli e Murilo. Il Lecce tuttavia non ci stava a fare solo da comparsa ed ha accorciato le distanze con Di Piazza. Sul 2-1 la sfida, invece che accendersi, si è spenta lentamente. Nella ripresa da sottolineare soltanto la rete del 3-1 di Vantaggiato su rigore e gli esordi dei giovani di Lischi e Casanova.

La premiazione – E  veniamo ad una nota alquanto dolente. Non tanto per la premiazione in sé, un atto dovuto, ma per la (mancata) festa promozione. Non a caso in curva è comparso uno striscione “questo è l’entusiasmo che state creando”. Sì perché il Livorno è salito in serie B quasi nell’indifferenza generale. Non una festa, non un giro per la città ma soltanto una parata in uno stadio con soltanto 1.676 anime. Davvero troppo poco per un traguardo conquistato con fatica sul campo. E’ evidente che qualcosa a livello organizzativo non ha funzionato. Non a caso nel momento in cui Luci ha alzato la coppa nello stadio c’era un silenzio quasi irreale dal momento che molti tifosi avevano già abbandonato il Picchi.

Il tabellino

Livorno: Mazzoni, Gonnelli, Borghese, Pirrello (71′ Lischi), Morelli, Bruno (55′ Giandonato), Gemmi, Kabashi (79′ Casanova), Doumbia, Vantaggiato (85′ Montini), Murilo (71′ Maiorino). A disp: Pulidori, Sambo, Zhikov, Perez. All. Sottil
Lecce: Perucchini, Cosenza, Marino, Ciancio, Di Matteo (59′ Valeri), Mancosu, Arrigoni, Tabanelli (59′ Selasi), Costa (82′ Tsonev), Caturano (71′ Saraniti), Di Piazza (71′ Persano). A disp: Chironi, Vicino, Lepore, Megalaitis, Gambardella, Legittimo. All. Liverani
Arbitro: D’Ascanio di Ancona
Reti: 4′ Morelli, 18′ Murilo, 21′ Di Piazza, 56′ Vantaggiato (r)
Note: angoli 6-1 per il Lecce, ammoniti Gonnelli, Valeri, recupero 1′ + 3′, spettatori 1.676

Mazzoni 6,5: soglia di attenzione sempre alta nonostante la partita di fine stagione.

Gonnelli 6: incerto inizialmente da esterno, meglio con la difesa a tre dove passa a centrale.

Borghese 6,5: va in difficoltà quando viene messo in mezzo dagli attaccanti, altrimenti tra testa e piede si fa sempre sentire.

Pirrello 6: è arrivato a fine stagione col fiato corto, non ha la brillantezza di inizio campionato ma non commette errori gravi (71’ Lischi sv).

Morelli 7: un gran gol all’incrocio, che non ti aspetti mai da un esterno di difesa. Molto attento e preciso per tutti i 90’.

Bruno 6: impone la sua fisicità sui centrocampisti leccesi sovrastandoli nell’intensità (71’ Giandonato sv)

Gemmi 6,5: sfrutta bene la vetrina della Supercoppa giocando sempre a testa alta e con personalità.

Kabashi 6: spostato presto a esterno sinistro, si adatta al ruolo senza soffrire il diretto avversario (78’ Casanova sv).

Doumbia 6: ci tiene a far bella figura davanti alla sua ex squadra: qualche bel numero e molto lavoro al servizio dei compagni.

Murilo 7: parta dalla sua trequarti campo per segnare il gol del raddoppio, poi si fa stendere da Marino per il rigore che chiude i giochi (71’ Maiorino sv).

Vantaggiato 6,5: dà un bel da fare ai due centrali di Liverani, aprendo spazi per gli inserimenti degli esterni. Impeccabile dal dischetto (85’ Montini sv).

All. Sottil 6,5: riscatta la figuraccia di Padova con una prova di spessore al cospetto di una delle prossime avversarie di B. Squadra concentrata e attenta anche a 90’ dalle vacanze.

Riproduzione riservata ©

24 commenti

 
  1. # Giova 67

    CERTO CHE MISTER SOTTIL HA PORTATO A TERMINE CON SUCCESSO IL CAMPIONATO ARRIVANDO PRIMO….È STATO ESONERATO E RICONFERMATO DIMOSTRANDO CHE I GIOCATORI TUTTI (SENATORI E NON) HANNO FATTO DI TUTTO ANCHE GRAZIE A LUI, QUESTO È CHIARO E CONFERMATO DA TUTTI ALLA LUCE DEL SOLE.
    IO (MA PENSO TANTI ALTRI ) CREDO FORTEMENTE CHE POSSA ESSERE IN GRADO DI POTER TRASCINARE QUESTA SQUADRA A FARE UN CAMPIONATO MEDIO ALTO PERÒ CON UNA BUONA CAMPAGNA ACQUISTI SE SI VUOLE PUNTARE O PROVARE A FARE LA SCALATA VINCENTE E NON A GALLEGGIARE…!!!!IN PASSATO CI SIAMO RIUSCITI GRAZIE A SPINELLI E MISTER DAVIDE NICOLA…PERCHÉ NON PROVARCI…..APPOGGIO PIENAMENTE ANDREA SOTTIL PER IL SUO CARISMA E COME COACH PUÒ REALMENTE FARCELA O RIUSCIRE AD OTTENERE BUONI RISULTATI ….IO LO ACCONTENTEREI CON UN BIENNALE SE LO MERITA….POI PERÒ NON SI POSSONO ACCOLLARE A LUI SCELTE NON ADEGUATE O ERRATE PER LA CAMPAGNA ACQUISTI DELLA SOCIETÀ. …COMUNQUE SEMPRE FORZA LIVORNO! !!!!!

  2. # Benny

    Sarà come sempre, incassare il premio promozione e di nuovo retrocessione? In serie B ci siamo andati più per rinuncia di altri che per merito nostro … basta guardare il partitone fatto a Padova.

    1. # Bimbone

      Ma che discorsi fai….allora stasera 3 pappine al Lecce.. …che ha dominato il girone C.
      Vai a vede ir Pisa…vai….

      1. # Benny

        ne riparleremo la prossima stagione. Ma la conferenza stampa di Sottil l’hai ascoltata? …comunque l’ottimismo è il sale della vita.

    2. # Oplà

      Caro Benny…mi sa che hai proprio ragione…spero non si tratti della ri-edizione del “grande bluff”. Strana anche la gestione dei “nuovi soci”, ma ci avete capito qualcosa su chi tirerà veramente fuori i soldi la prossima stagione?

  3. # Aldo

    Credo sia normale e giusta la richiesta del biennale da parte di Sottil, primo, come premio allo straordinario campionato vinto, secondo per costruire un progetto a media termine che getti solide basi in B e anche oltre, Romano al momento non mi piace, spero di sbagliarmi!

  4. # amaranto67

    ci ha portato in B , è stato assunto per questo ed ha centrato il suo obiettivo, ha un contratto in essere col livorno che la società è intenzionata ad onorare e l opportunità di affacciarsi al calcio che conta… credo che debba dire grazie al livorno, lavorare duro, dimostrare che puo stare in B… poi puo chiedere anche un quinquennale.

  5. # stefano 59

    Il contratto parlava chiaro…un altro anno di contratto in caso di promozione! E’ normale che, se chiede 2 anni, la società chieda il rispetto del contratto precedente..in ogni caso non credo che la società punti ad un campionato anonimo..nel senso che, secondo me, alla resa dei conti farà una buona squadra!

  6. # Roberto

    Sottil tutta la vita!

  7. # Traf

    Cosa vuol dire a lecce e padova hanno rinnovato?
    Sono due aziende differenti..
    Sottil se ce’ un contratto puoi proporre lecitamente ma non sei nella ragione se ti dicono no
    Nel mondo del lavoro “vero” questa e’ fantascienza

  8. # Bah

    Io se fossi Sottil me ne andrei, e ovviamente lo dico contro l’interesse della squadra e di tutti, perché non si tratta la gente come immondizia, ha ragione era primo in classifica ed è stato esonerato, parte dell’ambiente è rompiscatole e pretenzioso, non vorrebbe mai perdere o pareggiare, ma non funziona così.
    Poi secondo me quando Sottil è stato richiamato Spinelli ha fatto una figura barbina… e oltretutto assieme a tutti Sottil ha poi vinto il campionato. In questo caso la società dovrebbe evitare di fare proclami autoritari, fare ammenda e stare alle condizioni dell’allenatore che si merita un premio. Certi proclami io penso siano antipatici e basta, poi se nel futuro dovesse fallire è diverso.

  9. # Dr Baciocca

    Sottil si merita di guidare il Livorno in serie B, ma, secondo me, la Societa’ non ne è completamente convinta.
    Intanto godiamoci e festeggiamo questa promozione, poi vedremo “il progetto” della societa’, chi comandera’, come ed a chi i saranno affidate le cariche societarie e potremo capire molte cose.
    Non dimentichiamo “il problema stadio”
    SEMPRE FORZA VECCHIA UNIONE.

  10. # Max

    Le feste primozione le sanno organizzare solo i ragazzi della Nord.

  11. # maremosso

    Penso che le due parti potrebbero venirsi tranquillamente incontro: ovvero la società potrebbe proporre un 1+1, vale a dire un anno più opzione sul secondo in caso di un campionato dignitoso. Allestendo una squadra in grado di salvarsi senza troppi patemi, penso che Sottil accetterebbe. Detto questo, mi pare doveroso spendere due parole relativamente al contorno della partita di stasera. Avrebbe dovuto essere una festa, ed invece è stato un funerale! Di chi la responsabilità? Bèh…difficile dirlo. Verrebbe da dire “della società” visto che non ha alcun senso fare una festa quando ormai l’ entusiasmo è scemato. Però è anche vero che lo zoccolo duro della tifoseria avrebbe dovuto essere presente. Invece non solo non lo è stata, ma quei pochi che c’ erano nel primo tempo hanno addirittura rinunciato a fare il tifo! Per carità, non sta scritto da nessuna parte che si debba per forza incitare la squadra, ma in questo caso sarebbe più opportuno andare in tribuna o grandinata! Se quindi la società ha fatto di certo una brutta figura, di sicuro la tifoseria non l’ ha fatta meglio! E poi ci si chiede come mai le nuove generazioni disertano lo stadio…FORZA LIVORNO

  12. # Via anche Facci...

    Festeggiamenti davvero tristi…organizzazione tardiva e completamente sbagliata.
    Detto questo, sono contento per l’ingresso di Peiani, molto meno per quello di Romano.
    Adesso vanno definiti bene i ruoli, perché ci sono troppe teste e nel calcio questi crea solo confusione.
    Poi va rivisto anche il settore giovanile, serve un rinnovamento sia nei nomi (sono gli stessi da troppi anni) sia nella qualità e metodologia di allenamento.

  13. # Massi

    Ma si può organizzare i festeggiamenti in questo modo?!!! Della serie “Come rovinare una grande e sofferta promozione”.
    A me quel Romano non piace per niente…spero invece che Peiani aumenti ancora di più il proprio peso in società.
    Vediamo di valorizzare i nostri giovani e non quelli della Samp o altri!!!

  14. # Emme

    Pretendere due anni di contratto è di secondo piano rispetto ad un organico decente. Qui ci sono sei sette elementi inguardabili anche per la serie C…quindi.Di allenatori poi ce ne sono a decine….

  15. # Giaco

    Anche a me , a pelle,Romano no mi convince mi ricorda qualcuno!

  16. # Amilcare

    SOLO SPINELLA ALA GUIDA……….

  17. # paolo

    Penso sia comprensibile l’atteggiamento freddo della tifoseria di ieri sera e la civilissima forma di dissenso manifestata.
    Chi non è venuto ha voluto esprimere così la propria opinione e chi è venuto non poteva certo essere al settimo cielo, per come sta evolvendo la situazione generale. Intanto è’ inutile girarci intorno, questa squadra, dopo le quattro sconfitte interne, ci aveva un po’ deluso, dopo il grande girone di andata. Si era risollevata alla grande nel derby, ma ha finito arrancando con la lingua di fuori, e se il Siena non avesse sbracato ancora peggio di noi, sarebbe stata durissima. Ricordiamoci che solo perchè loro persero in casa mentre noi stentavamo a riagguantare la Carrarese, siamo potuti arrivare sul traguardo a mani alzate, altrimenti …
    Poi la sconfitta a Padova per 5 a 1, non ha certo suscitato entusiasmi. Una squadra che arriva prima nel proprio girone non può andare a fare quelle figure meschine. Mettiamoci sopra anche la confusione societaria; la richiesta di Sottil, secondo me da discutere e definire con la dirigenza, prima di spiattellarla ai quattro venti, hanno legittimamente instaurato un clima di scarsissima euforia. Sta ora alla società ricreare quanto prima i presupposti per avviare un clima più sereno.

  18. # Gio

    Boia paolo. Ci hai fatto un film
    A me sembra che la gente non sia venuta perche’ passare un sabato sera in un rudere pericolante per vedere una partita scapoli ammogliati, non sia piu’ incentivante..tutto qui

  19. # Paolo

    Sempre e solo forza livorno rivogliamo lo striscione “legione” in curva nord!

  20. # Daniele

    Fa un certo effetto vedere “solo Spinelli alla guida” quando per anni Spinelli è stato offeso e invitato ad andarsene riempiendo lo stadio di striscioni e cori…ora tutti con il timore di finire veramente in mani sbagliate.. ..coerenza gente coerenza…mettiamoci in testa che l’era Spinelli sta per finire anche se gradatamente

  21. # piero

    CI SONO MOLTI PROBLEMI DA RISOLVERE TRA I PRIMI QUELLO SOCIETARIO. POI PASSIAMO A CHI PUO’ RIMANERE SOTTIL PROTTI E FACCI? POI VEDREMO DI FARE UNA SQUADRA CHE VA RIFONDATA PERCHE’ IN B E’ UN ALTRA COSA. INFINE LO STADIO VERAMENTE FATISCENTE E URGENTE FARNE UNO NUOVO… FATE VOI