Cerca nel quotidiano:


Marchi: “Serve maggiore personalità”

Mercoledì 12 Ottobre 2016 — 17:56

Mediagallery

La vittoria, seppur sofferta, ha riportato un pochino di sereno in casa Livorno dopo tre partite senza successo. Il gioco ancora latita ma non si può chiedere più di tanto ad una squadra che ha mezza rosa ai box per infortunio. I 14 punti in classifica sono oro che cola visti i tempi e Foscarini sta facendo il possibile. Nella vittoria contro il Renate, tra i migliori in campo c’è stato Marchi, diventato uno degli insostituibili del tecnico amaranto.

Alessandro, come sono le tue condizioni?
“Sto bene fisicamente anche se non è un periodo fortunato per la squadra. Speriamo di recuperare qualcuno per la partita con il Siena”.

Come ti sei trovato nel ruolo di esterno?
“L’ho fatto anche negli anni passati. Con il mister ne avevamo già parlato e mi sono messo a disposizione”.

Il mister dice che devi imparare a gestirti.
“Cerco di mettere in campo le mie qualità al servizio della squadra. A volte faccio delle corse di troppo, ma è meglio però avere un giocatore che fa qualcosa in più che in meno. Devo comunque imparare a gestire le energie perché negli ultimi dieci minuti a volte arrivo a corto di fiato”.

Pensi che, nonostante gli infortuni, questa squadra possa fare qualcosa di più?
“Si può fare sempre qualcosa in più anche se siamo pochi. Chi fa parte del Livorno è un giocatore valido. Sicuramente per quanto riguarda il gioco possiamo migliorare ma dal punto di vista agonistico non si può rimproverare nessuno. Ci dobbiamo solo responsabilizzare di più”.

Come giudichi il campionato del Livorno.
“14 punti non sono male. Per ora solo l’Alessandria sta facendo un campionato a sé. Siamo comunque nella parte alta della classifica e possiamo solo migliorare anche per quanto riguarda la posizione. Sono passate soltanto otto partite e c’è ancora tanta strada da fare”.

Al completo, pensi che possiamo competere con l’Alessandria?
“Quando siamo tutti disponibili l’organico è valido e possiamo fare la nostra parte. I miei compagni li vedo tutti i giorni e posso dire che sono molto validi. Possiamo fare un campionato di vertice anche se ora siamo quinti pur senza entusiasmare”.

A Siena che partita ti aspetti?
“Sarà una partita dura come tutte le altre anche se loro sono una squadra che si è formata in ritardo rispetto alle altre. Hanno una rosa valida e per noi sarà dura”.

Riproduzione riservata ©