Cerca nel quotidiano:


US Livorno-Fucecchio 3-1, amaranto vincono anche al Picchi

Ferretti, Vantaggiato e Gargiulo regalano la seconda vittoria consecutiva in campionato. Amaranto bravi ad attaccare dal primo minuto, il brivido arriva a fine primo tempo ma, nella seconda frazione, la partita è totalmente in discesa e il Livorno fa pura accademia

Domenica 10 Ottobre 2021 — 17:00

di Filippo Ciapini

Mediagallery

Vince anche la “prima” in casa il Livorno Calcio che domina per novanta minuti e ne rifila tre al Fucecchio. Una partita giocata ad altissima intensità con i ragazzi di mister Buglio che non hanno mai abbassato la soglia d’attenzione anche dopo la doppia lunghezza. L’allenatore aveva chiesto più intensità durante i primi minuti di gara e così è stato accontentato. Fin dai primi minuti gli amaranto hanno attacco ogni spazio libero lasciato dagli avversari e alla prima occasione hanno trovato il modo di pungere. In gol il solito Andrea Ferretti, per lui sono sei gol in quattro partite, che ribadisce in rete una bella respinta di Del Bino. Passano quattro minuti e anche Daniele Vantaggiato segna sotto una Nord in festa, servito da Torromino. Un piccolo momento di incertezza alla mezz’ora porta il Fucecchio ad accorciare prima le distanze con Rigirozzo e poi a far tremare la traversa con Marcon. Il secondo tempo è pura accademia del Livorno. Ludovico Gargiulo segna da corner al 49esimo sigillando il risultato. La partita poi è stata gestita in maniera ottima dagli amaranto che hanno cercato comunque di attaccare e regalare un altro urlo di gioia ai suoi tifosi. US Livorno primo in solitaria con 6 punti, seguono Cuoiopelli e Cenaia a 4, Ponsacco a tre punti ma con una gara in meno. Appuntamento al “Picchi” sabato 16 ottobre per la terza giornata di campionato contro l’Armando Picchi.

US Livorno – Fucecchio 3-1 

17′ Ferretti, 21′ Vantaggiato, 31′ Rigirozzo (F), 49′ Gargiulo

Livorno (4-3-1-2): Pulidori; Giuliani, Palmiero (90′ Giampà), Milianti, Franzoni (45′ Pecchia); Gargiulo, Gelsi (73′ Apolloni); Torromino, Durante (57′ Fontana), Vantaggiato; Ferretti (86′ Pulina). A disp: Fontanelli, Nunzi, Bellazzini. All. Buglio

Fucecchio (4-3-3); Del Bino; Nardi, Giometti, La Rosa, Canali; Bulli, Bruchi, Marcon; Morelli, Folegnani, Rigirozzo. A disp: Mannucci, Cenci, Di Biase, Duccini, Ferrari, Ferraro, Ghimenti, Marianelli, Masoni. All. Cipolli

LE PAGELLE

Pulidori 6: Incolpevole sul gol, si fa trovare pronto sui (pochi) tiri del Fucecchio.

Franzoni 6: Presidia la fascia con esperienza nonostante la giovane età. Dalla sua parte zero pericoli. (Dal 45’ Pecchia 6: Gioca in un ruolo non suo, partita più che dignitosa)

Palmiero 6.5: In costante crescita, non sbaglia praticamente niente. (Dal 90’ Giampà sv)

Milianti 6: Da rivedere la sua posizione sulla rete avversaria. La sua voce in campo è preziosissima.

Giuliani 6.5: Nel primo tempo è una furia, nella seconda frazione invece gioca nel tridente d’attacco. Quella corsia porta sempre più il suo nome.

Gargiulo 7: Insieme ai tre davanti è l’elemento fondamentale di questa rosa. Collante tra difesa e attacco, fa tutto. Si inventa pure il “gol olimpico” direttamente da calcio d’angolo. Magnifico.

Gelsi 6.5: Tamponare il vuoto lasciato dai quattro davanti è difficile, lui lo fa benissimo. (Dal 73’ Apolloni 6: Palla al piede è imprendibile)

Durante 6: Altra prestazione fisicamente dispendiosa. Costretto a fare gli straordinari non ha paura di tirare avanti la gamba. Giocatori con le sue caratteristiche sono molto importanti in questa categoria. (Dal 57’ Fontana 6: Entrare a partita in corso non è mai semplice, contiene gli attacchi avversari con semplicità).

Torromino 7: Il gol sarebbe stato il coronamento dell’ennesima partita stratosferica. Corre 90 minuti e serve l’assist al Toro. Splendido.

Vantaggiato 7: Le sue giocate sono cento anni avanti a tutti. Semplicemente è il Toro. Secondo gol consecutivo e una forma fisica che piano piano sta raggiungendo la condizione ottimale.

Ferretti 7: Impazzisce di gioia sull’uno a zero e si gode l’abbraccio dei tifosi, come sempre. Sono sei reti in quattro partite, media da urlo. (Dall’86 Pulina sv)

Buglio 7: Aveva chiesto più “garra” nei minuti iniziali e l’ha ottenuta. I suoi ragazzi sono schiacciasassi ma la mano del mister si vede (in campo) e si sente (dalla panchina). Da risolvere la questione centrocampo-attacco, la distanza tra i due reparti è sempre troppo ampia e le poche occasioni avversarie sono arrivate proprio per la mancanza di un collante in mezzo al campo.

LE PAROLE DI MISTER BUGLIO POST PARTITA

“Abbiamo migliorato il primo tempo, dopo il gol mi sono arrabbiato tantissimo. C’è stato questo momento dove la squadra si era rilassata mentalmente, non dobbiamo mai mollare perché siamo belli da vedere, siamo devastanti. Per il resto abbiamo fatto tutto quello che avevamo preparato. Questo pubblico è uno spettacolo di emozione. Le poche occasioni arrivate è perché abbiamo un modulo ben preciso, è chiaro che facendo pressione ogni tanto ci allunghiamo, ma i nostri due mediani hanno caratteristiche da jolly. Chiuderla prima? Assolutamente si, il gol va fatto per il pubblico perché sono uno spettacolo da vedere. Ai ragazzi ho detto non voglio perdere un tifoso, e poi mi sono goduto il finale, avevo i brividi“.

 

LE PAROLE DI LUDOVICO GARGIULO e JACOPO GIULIANI

Gargiulo: “Non mi aspettavo di partire così, il gol è uno schema che proviamo, devo calciare lì in quel punto. Un emozione incredibile, è stato davvero emozionante. So di avere una bella responsabilità a essere colui che ha il pallino del gioco, ma è anche bello per questo. Vantaggiato e Torromino mi hanno sorpreso a livello umano”.

Giuliani: “Ho giocato le ultime due partite perché siamo 24 titolari. Oggi è andata bene, sia da terzino e che da esterno offensivo. Cerchiamo sempre di pressare alti. A inizio partita non avevo mai visto una cosa così. Quando si dà palla a Torromino e Vantaggiato sai che qualcosa di buono fanno sempre”

 

Riproduzione riservata ©