Cerca nel quotidiano:


US Livorno-Ponsacco 4-1, amaranto inarrestabili

Due magie di Petronelli e Gelsi aprono il risultato. Apolloni e Ferretti poi lo congelano. Gol della bandiera da parte di Zorica

Domenica 10 Aprile 2022 — 16:46

di Filippo Ciapini

Mediagallery

Finisce 4-1 la sfida tra US Livorno e Ponsacco (foto Novi7Us Livorno). Al Picchi gli amaranto sono inarrestabili e propongono un calcio divertente e concreto. Non appena hanno ingranato la loro marcia è stata inarrestabile e il risultato mai messo in dubbio. Il vantaggio dei ragazzi di Angelini è arrivato al 24esimo con un eurogol di Petronelli che, servito da Gelsi, incrocia di potenza da fuori area. Lo stesso Gelsi poi, al 32esimo, sigla il raddoppio con una magia dai trenta metri. Il Livorno è inarrestabile, proprio come la cavalcata di Giampà che, dopo una corsa palla al piede, serve Vantaggiato che appoggia la terza rete ad Apolloni. Nel secondo tempo non cambia il risultato e il Livorno ha continuato a spingere. Gelsi, mattatore della partita, serve dopo dieci minuti una bellissima palla per Apolloni che, a porta spalancata, colpisce in pieno la traversa. Al 66esimo però Ferretti, entrato da sei minuti, torna al gol con una bella capocciata. Ponsacco che rialza la testa e al 78esimo trovano il gol della bandiera con Zorica.

IL TABELLINO

Livorno (4-2-3-1): Mazzoni; Pulina, Russo, Giampà (55′ Milianti), Giuliani; Luci, Marinai (65′ Nunzi); Petronelli, Apolloni (60′ Ferretti), Gelsi (71′ Durante); Vantaggiato. A disposizione: Pulidori, Fontanelli, Ghinassi, Frati. All. Angelini
Ponsacco (4-3-1-2): Lista; Barsotti (94′ D’Onghia), Mucci, Cava (65′ Scuglia), Calabrese; Paggini, Semboloni (78′ Di Ruocco), Peric; Zorica; Capocelli (85′ Fiordi), Coralli (92′ Ricci). A disposizione: Balli, Scuglia, Prete, Vannozzi, Maenza. All. Paci
Arbitro: Fiorillo di Lucca
Reti: 24′ Petronelli, 32′ Gelsi, 40′ Apolloni, 66′ Ferretti, 78′ Zorica
Note: angoli 3-3, ammoniti Capocelli, Calabrese, espulso Calabrese, spettatori 2.402

LE PAGELLE

Mazzoni 6: Non corre nessun pericolo, spettatore in campo.

Pulina 6: Partita tranquilla per lui. Ritorno in campo più che sufficiente.

Giampà 7: Il terzo gol è merito della sua progressione. (Dal 55’ Milianti 6: Appena entrato rischia di combinare una frittata, poi si adatta).

Russo 6.5: Prestazione serena. Annulla letteralmente Coralli.

Giuliani 6: Soldato della difesa, si toglie la soddisfazione di far segnare Ferretti. Peccato per l’errore sul 4-1.

Marinai 6.5: Pulito e ordinato, non sbaglia niente. (Dal 65’ Nunzi 6: Minuti importanti nelle gambe, dà una mano alla squadra).

Luci 6.5: Gestisce ogni azione del Livorno, recupera anche i palloni che escono dallo stadio.

Petronelli 7: Ha preso le misure e in questo ruolo ci sta da Dio. Il tiro da fuori area è imprendibile.

Gelsi 7.5: Mattatore della partita. Prima l’assist per il vantaggio, poi la magia dai trenta metri. Si prende la scena. (Dal 71’ Durante 6: Entra e prova a sfruttare la sua velocità).

Apolloni 6.5: Si toglie la soddisfazione di segnare al Picchi. Ottimo match per lui. (Dal 60’ Ferretti 7: Entra e segna dopo sei minuti, what else?).

Vantaggiato 6: Oggi è a secco, ma è comunque protagonista della gara con l’assist del terzo gol.

 

LE PAROLE DI MISTER ANGELINI
“Chi ha giocato meno ha dimostrato di starci, hanno confermato quello che pensavamo tutti. Abbiamo fatto tutto bene, abbiamo dimostrato che se mentalmente sta bene e non ha grosse pressioni è forte. Le occasioni che abbiamo creato sono state sfruttate. Abbiamo segnato su ripartenza, quando abbiamo fato gol ci siamo liberati. Per noi è più facile giocare quando hai più spazio. Stiamo lavorando a segnare quando sono tutti compatti. Oggi la squadra ha provato a fare quello che ha fatto in allenamento. Possiamo metterci in difficoltà solo noi. Gelsi in quel ruolo rende meglio, è un ottimo giocatori. Ma di calciatori ne abbiamo tanti, mi hanno messo in difficoltà. Ogni tanto abbiamo un calo di concentrazione, errori evitabili. Sono ragazzi giovani e fa parte del percorso”.

 

LE PAROLE DI PULINA:
Lavoro da tanto sul nuovo ruolo, mi piace spingere. La squadra mi ha sempre fatto sentire parte del gruppo e quando entri in campo poi non hai problemi. Dal punto di vista fisico faticavo più ad attaccare nel secondo tempo ma ce l’ho fatta fino alla fine. Se vengo chiamato in causa cerco di farmi trovare pronto, non mi interessano gli obiettivi personali, conta il Livorno.

 

LE PAROLE DI FERRETTI:
Ero contento di essermi allenato un po’ di più con la squadra, ancora ho un po’ di fastidio. Devo ringraziare Giuliani che mi ha servito un cioccolatino. Ero contento anche se mi dispiaceva per il Ponsacco, sono la mia gente. Mi rode averne sbagliato un altro poco dopo. Non sono ancora al 100%, ma sto lavorando per tornare al top. Sto cercando di mettere minuti negli allenamenti e benzina addosso per le partite. Noi non prepariamo i play-off, ma la settimana e adesso pensiamo a Tuttocuoio, non vediamo però l’ora del sorteggio. Da fuori ho visto che siamo forti. Più forti mentalmente e fisicamente, c’è più consapevolezza nei nostri mezzi, dobbiamo prenderne atto con umiltà. Adesso viene il bello, non vediamo l’ora di vincere per la nostra gente.

Riproduzione riservata ©