Cerca nel quotidiano:

Condividi:

MMA, Bellandi nella “gabbia” tra i lottatori del Cage Warriors di Roma

Martedì 4 Ottobre 2022 — 17:14

L'atleta livornese del Rendoki Dojo di Massimo Rizzoli se la vedrà quindi con lo spagnolo Joan Arastey che fino ad oggi non ha mai perso né da dilettante né da professionista

Venerdì 7 ottobre un atleta livornese, Dario Bellandi del celebre Rendoki Dojo di Massimo Rizzoli, sarà protagonista a Roma nel primo evento italiano di Cage Warriors, la più importante promotion europea di MMA. Per capirci stiamo parlando dell’organizzazione che ha lanciato tanti futuri campioni dell’UFC, il top mondiale di questo sport, in primis un personaggio che con la sua fama ha superato i confini degli sport da combattimento, Conor McGregor. Non stupisce quindi che l’evento abbia esaurito in meno di 24 ore tutti i biglietti disponibili alla Fiera di Roma e che sarà trasmesso dalle TV di 180 Paesi (in Italia in chiaro e in diretta dalle 18.00 sulla piattaforma mola.tv). Per il fighter labronico una grande occasione che potrebbe catapultarlo nell’élite mondiale delle MMA.

Dario ha cominciato quasi per caso questo sport, ha infatti giocato a calcio fino a 18 anni. Poi un giorno ha ceduto ai continui inviti a provare del fratello maggiore Marco che già praticava questa disciplina. E come spesso accade da un incontro casuale è nato un amore. Si è infatti subito buttato anima e corpo in questo sport e in breve sono arrivati grandi risultati. Bellandi ha infatti conquistato l’Oro agli Europei per 2 anni consecutivi nel 2017 e nel 2018. Sempre nel 2018 ha partecipato anche ai Mondiali in Bahrain perdendo solo in semifinale contro il fenomeno russo Dzhamal Medzhidov, uno che è ancora oggi imbattuto dopo 21 incontri.
Il 1° marzo 2019 debutta invece da professionista nella sua Livorno nello storico evento “La Resa dei Conti” organizzato dal Rendoki Dojo e ottiene subito la prima vittoria doppiata l’anno dopo al PalaMacchia nel “Trofeo Alfredo Rizzoli 5”. Nel dicembre 2020 gli arriva invece una chiamata proprio da Cage Warriors per un evento in Inghilterra.
Come dicono in gergo è una “short notice” ovvero una chiamata all’ultimo momento. Dario dovrebbe sostituire un atleta infortunato e combattere contro l’idolo locale Will Currie. È una impresa proibitiva ma Dario accetta lo stesso. Il match si chiuderà ai punti con una sconfitta ma contando che l’inglese si era adeguatamente preparato e veniva da 4 successi prima del limite la prestazione del nostro portacolori è da considerarsi più che soddisfacente. A pensarlo è in primis proprio Cage Warriors che si è ricordata di Dario per il suo sbarco in Italia. Alla fiera di Roma se la vedrà quindi con lo spagnolo Joan Arastey che fino ad oggi non ha mai perso né da dilettante né da professionista.

“È un atleta solido e completo – commenta Bellandi – e che non è dovuto rimanere fermo a lungo per la pandemia come me, l’ultimo match lo ha fatto a giugno in Spagna. Non sono preoccupato comunque, ho fiducia nel mio team e nella mia preparazione e voglio dire a tutti i livornesi di seguire il mio match su Mola TV perché ne vedranno delle belle”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©