Cerca nel quotidiano:


Nella “gabbia” europea di Plock piovono medaglie amaranto

La squadra azzurra, capitanata da Patrizio Rizzoli, dell’Octopus Pro Akiyama di Livorno, e allenata dal direttore tecnico Marco Vigolo conquista 7 ori, 4 argenti e 1 bronzo, di cui ben 3 ori e un argento sono ottenuti da atleti della nostra provincia

Giovedì 22 Novembre 2018 — 16:35

Mediagallery

Dal 7 all’11 novembre si sono svolti a Plock (Polonia) i campionati europei Wmmaf di Shoot Boxe e Kick Jitsu, e ancora una volta i gradini più alti del podio si tingono di amaranto. Infatti la squadra azzurra, capitanata dal capo delegazione Patrizio Rizzoli, dell’Octopus Pro Akiyama di Livorno, e allenata dal direttore tecnico Marco Vigolo conquista 7 ori, 4 argenti e 1 bronzo, di cui ben 3 ori e un argento sono ottenuti da atleti della nostra provincia.

Mohit Fucelli è il primo a entrare nella gabbia contro l’ucraino Protasiuk per aggiudicarsi il titolo nella categoria 55 kg juniores nella Kick Jitsu – MMA Light. Al volgere di due round durissimi l’arbitro in gabbia ferma l’incontro dopo che l’ucraino aveva portato una serie di colpi veramente violenti. Inspiegabilmente l’arbitro centrale, invece di sanzionarlo per uso eccessivo della forza, assegna la vittoria all’ucraino per kappaò tecnico (non previsto dal regolamento). L’immediato ricorso della delegazione italiana viene successivamente accolto e la vittoria è assegnata all’atleta livornese.

Entra quindi nella gabbia Niko Rizzoli, per la Shoot BoxeMMA Full cat. 60 seniores. Ad affrontarlo trova una leggenda del team ucraino, il veterano Oleksandr. L’atleta livornese si dimostra subito pericoloso nel combattimento in piedi e quindi l’ucraino porta lo scontro sul terreno a lui più congeniale, quello della lotta a terra. Qui il giovane Rizzoli è bravo a non farsi sottomettere, ma la grande esperienza dell’ucraino prevale e gli permette di aggiudicarsi la vittoria ai punti.

Completano il palmares gli ori ottenuti dalle atlete della Asd KJ Budo Club di Venturina, Giulia Muti nella Shoot Boxe e Noemi Esposito, nella Kick Jitsu. Con la presenza all’angolo del loro coach il direttore tecnico regionale Micalizzi, le nostre ragazze conquistano il podio più alto contro le pari età ucraine, entrambe nella cat. 55 kg juniores.

Riproduzione riservata ©