Cerca nel quotidiano:


Nuovo stadio e Cittadella, progetto da 160 milioni

Avviato il percorso in tre tappe. Dopo lo studio di fattibilità, la palla passerà agli imprenditori. Nogarin: “L’ultima parola spetta ai livornesi”. Secondo i piani, una volta approvato il progetto partecipativo, serviranno tre anni (senza interruzione delle attività) per veder sorgere un nuovo Armando Picchi all'Ardenza. Nel piano anche il Caprilli

mercoledì 06 Febbraio 2019 16:15

Mediagallery

“Dopo oltre dieci anni passati a discutere del nulla, finalmente il percorso per la realizzazione della Cittadella dello Sport è stato tracciato. Un team di consulenti realizzerà uno studio di fattibilità sulla base di un’analisi dell’impegno economico e finanziario necessario, gli imprenditori presenteranno i loro progetti e i cittadini, insieme all’amministrazione, avranno l’ultima e decisiva parola”. Il sindaco di Livorno, Filippo Nogarin, riassume così le tre tappe che porteranno alla realizzazione della Cittadella dello sport, che diventerà il cuore dell’offerta sportiva e turistico ricettiva della Livorno del futuro.
Una procedura che consentirà di sviluppare l’area compresa tra lo stadio e l’ippodromo Caprilli, su cui sorgono 9 impianti sportivi (clicca sul link in fondo all’articolo per consultare l’elenco completo), e che è stata illustrata mercoledì 6 febbraio nel corso di una conferenza stampa in Comune (clicca qui per rivedere il LIVE della conferenza stampa di presentazione).
“Non c’è spazio per cattedrali nel deserto – ha sottolineato Nogarin – E’ possibile pensare a una cittadella dello sport a Livorno solo ed esclusivamente se i progetti che la comporranno saranno economicamente sostenibili”. Il costo complessivo stimato ad oggi per la realizzazione è di 160 milioni di cui circa 20 per la costruzione del nuovo stadio che sorgerà sulle ceneri del precedente, in piazzale Montello. Ma come? Il blocco centrale della tribuna rimarrà il medesimo (vincolato dalle Belle Arti) e il resto della struttura vedrà la luce, stando alle migliori prospettive, in tre anni (uno per il progetto attuativo e due per i lavori senza mai fermare l’attività sportiva in corso) a partire dall’approvazione del progetto definitivo.
“Ringrazio il sindaco per aver messo in piedi questo percorso innovativo che andrà ben oltre la scadenza elettorale e che vincolerà anche la prossima amministrazione – ha aggiunto il delegato provinciale del Coni, Giovanni Giannone –  La Cittadella dello Sport necessiterà di un investimento importante di risorse private ma anche pubbliche e il fatto che nei giorni scorsi sia stato siglato un nuovo accordo tra Anci e l’Istituto di credito sportivo rappresenta un’opportunità in più”.
“Questo è un piccolo piano Marshall per Livorno – secondo l’assessore allo Sport, Andrea Morini – sia per l’impiantistica che per l’economia cittadina. Non solo avremo la possibilità di dare un futuro al Caprilli e allo stadio comunale, anche alla luce degli interventi necessari a ridurre il rischio idraulico in quell’area, ma potremo provvedere alla valorizzazione di impianti come il Renato Martelli e il PalaMacchia”.

Il primo passo – Da qui la prima fase dell’iter burocratico amministrativo, che si è aperta il 29 gennaio scorso con la pubblicazione di una manifestazione di interessi che porterà all’individuazione di un team di consulenti che affiancheranno il Rup nella realizzazione di uno studio di fattibilità a supporto di questo progetto.

La manifestazione di interessi si concluderà il 12 febbraio.

Il vincitore avrà 60 giorni per:

– valutare il patrimonio impiantistico comunale

– analizzare le potenzialità economiche di ogni impianto

– definire i possibili lotti da mettere a gara

– stabilire un percorso di partenariato pubblico-privato

– rendere appetibile l’investimento

Porte aperte agli imprenditori – Il risultato della prima tappa saranno degli studi di fattibilità, comprensivi di una stima dei costi di investimento sull’intera area. A quel punto l’amministrazione avvierà un dialogo competitivo per raccogliere i progetti che dovranno essere economicamente sostenibili.

La parola ai cittadini – L’ultimo passaggio di questa procedura interesserà direttamente la cittadinanza che sarà chiamata a valutare e ad esprimersi sui progetti esecutivi presentati, andando a decidere quale futuro vorranno per l’area della Cittadella dello Sport.

Riproduzione riservata ©

47 commenti

 
  1. # Nonogarin

    Via è iniziata la propaganda elettore guardiamo chi vince…. !! Nogarini si dimostra gia’ in forma

    1. # Gino

      Hai ragione….e adesso a chi “spara” il progetto più grande, dallo stadio alla galleria di chioma….e vai
      Tanto le idee e i progetti di massima non costano niente……e in questi cinque anni, l’unica “grande” opera del Nogarin, sono state le strisce blu.

    2. # Massimo Bartolini

      Via, si comincia con le stupidaggini !!!

    3. # alessio

      ottimo! porterà lavoro, soldi e benefici alla città! ottimo ci voleva dopo anni passati in cui le vecchie forze politiche di finta sinistra hanno solo rafforzato i soliti noti, senza pensare al bene della città! Avanti ancora M5S!

      1. # ZenEros am5s

        Allora è vero che c’è ancora chi crede alle favole!

      2. # ddddd

        SONO parecchio noti anche quelli del team di consulenti, ma parecchio noti

  2. # massimo

    piano marshiall per lo stadio! non c’e’ altri problemi a livorno

    1. # luca

      Capisco che commentare è anche un modo di avere un po’ di visibilità , ma almeno leggilo l’articolo…

    2. # Alex

      Si potrebbe dire su ogni problema e si potrebbe stare fermi cone sempre. Si trattadi questo problema? È uno, non fermiamosi e trattiamoli tutti. Dire fermiamoci i problemi sono altri è non trattarne nessuno, tipica cosa del passato………

  3. # Sandro65

    Piccolo quesito : chi mette i soldi? Perché se l’ultima parola deve spettare all’imprenditoria Livornese, uhm, la vedo nera.

    1. # u8go nogarinINO sono otto

      altro piccolo quesito: mentre “ricostruiscono” lo stadio il Livorno do gioca?

      1. # luca

        Ug8 esperto tuttologo, se leggi l’articolo c’è scritto

    2. # AMARANTO67

      CI SCOMMETTI CHE AVENDOCI DA GUADAGNARE I “PRENDITORI” DI LIVORNO NON TARDERANNO A PRESENTARSI ALLA PORTA DEL SINDACO ?

  4. # Maurizio72

    Hai voglia di promettere mare e monti….tanto a maggio fai festaaaa!!

  5. # C.Federico GZESS

    Non per essere critici ma con 160 M sai le strade e buche che si sistemano….

  6. # perplesso

    cioè fatemi capire rifate l’ippodromo??? ma non ve ne rendete conto che l’ippica è in crisi in tutto il mondo, negli stati uniti stanno chiudendo decine d’ippodromi, e qui si spende i soldi per rifarlo?????

  7. # Cipiiper....

    Casualmente chi prenderà il Livorno Calcio prenderà tutto?
    Ma va’……. chi lo avrebbe mai immaginato…..!

  8. # Beppino

    Boia de, forza Filippo facci sognare.

    1. # marco62

      Bravo facci sognare perché gli rimane solo questo, è stato in grado solo di peggiorare lo stato della nostra città e di propagandare solo idiozie, sicuramente serve solo alla campagna elettorale ma poi ritornerà il sogno in un cassetto, non hanno saputo cogliere il momento favorevole e adesso non ci sono più i margini per credere a quello che dice. Ci vediamo alle elezioni.

      1. # Paolo

        Mi dici in cosa è peggiorata? Non mi parlare di stalli blu e porta a porta perché significa che non vedi oltre il tuo naso

        1. # marco62

          Caro Paolo se io non vedo oltre il mio naso mi spiace ma te sei cieco del tutto e sicuramente anche sordo.

  9. # Pierino

    Come al solito non avete capito nulla!!!! A Pisa fanno lo stadio nuovo, ma non lo paga il comune, informatevi bene, che come sempre vi piangete addosso.

  10. # Ivo

    Ottima cosa…Speriamo bene questa volta

    1. # ug8o nogarinINO sono 8

      come la pubblicità….abbocco

  11. # Enrico

    Forse ho letto frettolosamente ma nell’articolo non si parla di ippodromo ma del caprilli il che non vuol dire che ci sarà un futuro per l’ippica livornese. Peccato che siano tanti i politici che non amano uno degli sport più belli al mondo!!!

  12. # giulio

    non sarebbe meglio riparare i paletti divelti in piazza Cavour (da anni), oppure i 150 lampioni rotti lungomare, oppure le panchine di marmo distrutte da anni, oppure i marciapiedi in città e lungofossi che paiono bombardati (che figure con i turisti che passeggiano in città)! … ecc ecc ecc ecc ecc ecc ecc ecc !??????

    1. # Silvia

      Il problema, cari miei amici livornesi, sta anche nell’incivilta’ che dimostra la cittadinanza che dice di amare alla follia Livorno ma che non la cura minimamente. A Livorno è un peccato ristrutturare qualcosa, tanto il giorno dopo siamo punto e a capo. Da livornese “adottiva” io non vi capisco proprio. Trovo il progetto della cittadella molto bello, visto che a livorno si vive tanto di sport e si potrebbe anche pensare che il polo diventasse un “attrazione” per chi viene da fuori. Che sia campagna elettorale non mi interessa. Mi piacerebbe che venisse realizzato, sia che lo facesse la destra, la sinistra o il centro. Perché li stadio di Livorno è tanto bello quanto indecente.

      1. # Enrico 1

        Hai ragione Silvia, ma qua ci sono parecchi disfattisti che non hanno nulla da dire se non espressioni senza un minimo di credibilità. Non vale nemmeno rispondere a certi bla bla bla.

    2. # Andrea

      Per quello chiedi al comune, nel caso dello stadio e Cittadella il comune non sborsa soldi, sono imprenditori esterni!!!!! Perché siete duri così!!!! Avanti il prossimo che scrive di strade buche scuole etc….

      1. # Giovanni

        Ti sei dimenticato anche le cacche dei cani, altro grande argomento di attualità nella vita labronica. Mi meraviglio che nessuno abbia ancora commentato chiedendo come verrà ripulita la cittadella dello sport dalle deiezioni….

    3. # Paolo

      Ma se il tutto è a carico dei privati cosa ci combinano i lampioni ed i paletti. Impara a leggere e poi critica.

  13. # ViRIATO

    Va bene tutto, il nuovo stadio, il Caprilli, il lotto Zero, però c’è da domandarsi come mai si discute di queste grandi opere (per Livorno sono grandi opere) a quattro mesi dalle elezioni.Ma nei cinque anni (o quasi) precedenti non poteva essere fatto qualcosa?. Il dubbio sorge spontaneo. Siamo già in campagna elettorale?

  14. # mat

    Altra proposta al fine elettorale. Comunque sia se vogliono rifare lo stadio lo facciano pagare al Livorno Calcio e lo vadano a fare alla Puzzolente almeno non rompono ….. a chi del calcio non gliene frega niente. E lì Nogarin ci può fare tutti gli stalli blu che gli pare. Visto che in cinque anni e’ l’unica cosa che ha fatto oltre alla raccolta porta a porta altra grandissima cavolata nel modo scelto per realizzarla.

  15. # Melioco

    Ma prima di pensà a dove mettisi a sedè, sarà meglio SARVASSI?……

  16. # freefree

    Vorrebbero fare tante cose nuove , solo per farsi dare attenzione e nient’altro , poi tutte le altre cose importanti per la città che sono state fatte in passato e che adesso andrebbero ripristinate perché ne hanno veramente bisogno , quelle no ! quelle per loro possono aspettare . Signor sindaco ! Per serietà tutti lavori fatti fare in precedenza per la città , vanno mantenuti in efficienza e anche prima di iniziarne altri

  17. # VOLTONE

    Per lo stadio e cittadella dello sport molto bene già così, poi vedremo, nello stadio in tribuna scoperta rifateci la pensilina che è stata abbattuta, magari anche più bella, SEMPRE FORZA LIVORNO

  18. # joannis

    Altro spot pubblicitarie per le prossime Amministrative. Sig. Sindaco se vuole i voti non deve fare i spot pubblicitari, ma togliere tutti i stalli blu che ha istituito, riportare la quota pagamento com’era prima che Lei s’insediasse, etcc etcc . Ora è troppo tardi, la colla che Vi teneva incollati alla poltrona dietro la scrivania inizia a finire il proprio effetto e pian piano si sta scollando è ora d’iniziare a fare le valigie. Così siete già pronti per andar via dagli uffici Comunali. Avete portato La città di Livorno ad un degrado assoluto. Proprio stamani in via dei Lanzi, il marciapiede era ricoperto d’immondizia di buste rotte e tutto il contenuto era a giro per la delizia di piccioni ed altri animali sgradevoli, pubblicate una foto con ciò con Voi vicino, vediamo se siete sorridente e Vi fate grandi.

  19. # Pierino

    Qualcuno non ha capito??!!! Per i lampioni, le panchine ecc.ecc.le spese di rifare lo stadio non ce li mette il comune ma i privati, capito?

  20. # Enrico

    A leggere certi commenti viene tristezza. Che lo stadio e l’area Caprilli dovranno essere sistemati e messi in sicurezza è cosa scontata indipendentemente dalla politica che verrà. L’ippica, purtroppo, è in crisi in tutta Italia e sarà difficile che abbia una ripresa immediata. L’ippodromo non potrà essere quello di oggi anche perché dovranno essere fatti lavori che riguardano il sistema idrogeologico, ovvero il rapporto acque/ terreno. A parte il discorso “cittadella”, è certo che qualcosa di sensato e di urgente dovrà essere fatto e se a beneficiarne sarà la città e l’area sportiva, sarà tutto di guadagnato.

    1. # mat

      Se voleva fare quello che dice poteva averlo fatto in questi cinque anni perché cinque anni fa la situazione era già quella di oggi.

  21. # Andrea

    ahahahahaha..ma insisti !!! ahahahahhah

  22. # Tom Mick

    Sarebbe opportuno anche ripristinare lo specchio parabolico rotto da ottobre scorso allo stop del cimitero di montenero

  23. # maria elena

    TENGOLICONTO DOVE SEI? SEGNA!!
    Anche il traforo del Monte Chioma!

    1. # ZenEros associato

      Mi associo a du’mila! TENGOILCONTO sindaco.

  24. # Emme

    Nogarin, come dice qualcuno fará festa ma le prospettive sono tetre. The giornalist? Parliamone….

  25. # Vincenzo di B.

    Dopo lo Yanke Stadium, il Piano Marshall per lo Stadio, cosa vuol dire aggiornarsi

  26. # Paperone

    Oh ma prima la funivia e il deposito di Paperone eh!!! Boia Carnevale sempre con questi!! Ahahah

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.