Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Pisa e Livorno uniti nel nome del canottaggio

Venerdì 15 Luglio 2022 — 11:37

L’esperienza di due giovani atleti e del loro allenatore Massimo Dovicchi, tra l’Unione Canottieri Livornesi e la Billi Masi di Pisa

Irene Trastullo e Emanuele Nardini sono nati – sportivamente parlando – all’Unione canottieri Livornesi e da marzo diventati atleti della società di canottaggio dei Vigili del Fuoco di Pisa VVF Billi-Masi con il loro allenatore Massimo Dovicchi.

Sia Irene che Emanuele hanno partecipato a uno degli appuntamenti remieri più importanti a livello nazionale: il Festival dei Giovani che quest’anno si è svolto a Milano dall’1 al 3 luglio.

Emanuele ha vinto nel 4 di coppia Allievi C e si è piazzato al terzo posto sul doppio Allievi C, mentre Irene ha conquistato un bel quarto posto sul singolo 7.20 cadetti e un quinto sul doppio cadetti.

“Il festival dei giovani è stata una bellissima esperienza che è stata arricchita da grandi risultati per me ed i miei compagni – ha detto Emanuele –  Il primo giorno abbiamo vinto l’oro sul quattro di coppia allievi c e la domenica siamo riusciti a portare a casa il bronzo sul doppio allievi c. Mi sono impegnato tanto per ottenere questi risultati ma il merito non è solo mio: senza la Billi Masi non ci sarei mai riuscito. Ho iniziato a fare canottaggio a settembre dello scorso anno con l’Unione canottieri livornesi: avevo scelto quella società per la sua grande storia.”

La storia, soprattutto per chi sta a Livorno, è abbastanza nota: la struttura in cui si allenavano i ragazzi è stata chiusa ma Massimo Dovicchi, allenatore dei ragazzi, portò remi, imbarcazioni e remergometri in un container, riuscendo a far continuare gli allenamenti ai ragazzi. La struttura dello scolmatore poi fu dichiarata inagibile e fu allora che Dovicchi ebbe la possibilità di allenare alla Billi Masi. E Irene e Emanuele lo seguirono perché non avevano alternative.

“Alla Billi mi trovo molto bene – continua Emanuele – e nonostante il sacrificio dei miei genitori che da Livorno mi portano a Pisa riesco ad allenarmi al meglio perché non manca niente, ci sono strutture, barche, pontili e tutto quello che serve per essere allenati al meglio. Adesso quando vado agli allenamenti posso dare il massimo e divertirmi.”

Anche Irene è stata contenta dell’esperienza del Festival dei Giovani: “Il festival è stato bello, però avevo un po’ di paura perché c’era gente forte, ma comunque mi sono divertita molto. La gara è stata faticosa ma è andata bene secondo me, sia quella in singolo che quella in doppio. Alla Billi mi trovo molto bene: i bimbi mi hanno accolta da subito e si sono dimostrati disponibili ad aiutarmi, inoltre gli allenatori sono bravi e ci divertiamo un sacco. Grazie al mio allenatore Dovicchi Massimo chiamato alla Billi, ho avuto la possibilità di scoprire questa società molto attrezzata, dove posso dimostrare chi sono e allenarmi come si deve con i giusti mezzi e fare le gare”.

Soddisfatto anche Massimo Dovicchi: “Mi fa piacere vedere finalmente questi ragazzi fare attività di un buon livello e sono contento del Festival dei Giovani che ha visto la Billi diventare la terza società in Toscana. Ringrazio chi mi ha dato la possibilità di allenare e dimostrare il mio valore come allenatore responsabile tecnico settore giovanile della Billi Masi, ma soprattutto ringrazio i grandi insegnamenti da parte di allenatori come Marconcini Umberto (Uccellino), Marconcini Unico, Marconcini Marco, Stefano Lari, Primo Baran e mio padre Alvaro Dovicchi. Mi dispiace tanto che ci siano queste “migrazioni” verso Pisa, ma attualmente a livello societario c’è più organizzazione e una maggiore possibilità di crescita per gli atleti e per gli allenatori. Livorno in passato era considerata una città con un grande potenziale a livello nazionale con grandi tradizioni remiere e risultati olimpici.” Basti ricordare ad esempio le due medaglie olimpiche degli Scarronzoni [Gli atleti della società Unione Canottieri Livornesi sono noti come Scarronzoni n.d.r.] e atleti medagliati mondiali e olimpiche. “Io come allenatore della società Unione canottieri Livornesi – continua Dovicchi – auspico una collaborazione tra le due società anche alla luce del fatto che nelle gare regionali la Billi Masi ha dato sempre un grande sostegno per le imbarcazioni e il trasporto”

Condividi:

Riproduzione riservata ©