Cerca nel quotidiano:


Un weekend da urlo per l’Accademia dello Sport Karate

I ragazzi di Magnelli e Triglia erano impegnati in due importanti appuntamenti agonistici con la Coppa del mondo Giovanile Youth League WKF di Limassol (Cipro) e le qualifiche Regionali Juniores di Monsummano Terme

Venerdì 6 Maggio 2022 — 10:04

Mediagallery

Fine settimana intenso e molto impegnativo per il karate labronico dell’Accademia dello Sport settore karate. I ragazzi di Magnelli e Triglia erano impegnati in due importanti appuntamenti agonistici con la Coppa del mondo Giovanile Youth League WKF di Limassol (Cipro) e le qualifiche Regionali Juniores di Monsummano Terme.

Il tecnico Alessio Magnelli ed il collaboratore Daniele Miotto hanno accompagnato i due atleti Emanuele Magnelli e Federico Picchiotti all’importante tappa cipriota della carovana mondiale giovanile WKF (World Karate Federation), edizione con 51 Nazioni partecipati e più di 1600 atleti.

Emanuele Magnelli, già settimo ad una delle precedenti edizioni, nella categoria dei massimi cadet +70kg si è dovuto arrendere all’atleta Olandese, uno dei più forti della categoria, dopo aver condotto in vantaggio il combattimento fino a pochi secondi al termine, perdendo solo per giudizio arbitrale.

Ottima prova anche di Federico Picchiotti che esordisce nella cadet -52kg. L’atleta piombinese dell’’Accademia dello Sport esce contro l’atleta della Nazionale slovacca dopo aver recuperato il doppio svantaggio iniziale.

A Monsummano si tenevano le fasi di qualificazione per le finali Nazionali Fijlkam Juniores. Cinque gli atleti dell’Accademia dello Sport impegnati, accompagnati dal tecnico Carmelo Triglia. Ottimi i risultati anche sul territorio toscano. Andrea Bonacci nella cat. -55kg riesce a vincere la medaglia d’argento perdendo la finale solo al giudizio arbitrale. Medagli di bronzo nella categoria -68kg per Davide Bonacci con 2 incontri e di Giada Barontini nella cat. -66kg femminile. Non riescono ad arrivare a podio con qualche recriminazione gli altri due rappresentanti labronici Federico Bini nella cat. -68kg e Manuele Miniati nella -76kg, nonostante le buonissime prove.

Riproduzione riservata ©