Cerca nel quotidiano:


Open 2018: al Goldoni le Borsi, le Michelangelo ed il Laboratorio Giovani

Il pomeriggio alle 17 in Goldonetta. Alle 21 riflettori accesi sul palco del Goldoni. Ecco gli spettacoli in programma

Lunedì 7 Maggio 2018 — 07:45

Mediagallery

Lunedì 7 maggio alle 17 in Goldonetta, la 1a e 2a H della scuola secondaria di primo grado Borsi  in “Noi siamo con voi”, una rappresentazione teatrale le cui tematiche centrali sono state la conoscenza delle malattie genetiche e l’utilità della ricerca medica (Progetto Telethon). La rassegna teatrale fa parte del progetto Open (clicca qui per consultare tutto il programma completo).
Le classi sono diventate un gruppo che ha condiviso valori, esperienze, opportunità e obiettivi. L’identità del gruppo è stata forte e coesa e gli alunni si sono sentiti parte di un tutto: le barriere e i pregiudizi sono stati abbattuti e i ragazzi hanno condiviso sogni, difficoltà e progetti.  Il loro è stato un lavoro sulle emozioni suscitate dalle tante situazioni e nello stesso tempo il lavoro è sempre stato teso a infondere gioia e speranza.
Insegnanti: Rossella Ceccarini, Arianna Riccetti, Emiliano Orsini Regista: Paola Martelli
Con: 1 H Arrighi Valerio, Batistini Sara, Battiato Silvia, Betti Mattia, Bini Federico, Bini Leonardo, Bitossi Sara, Consigli Marta, Cotza Aurora, Dechabur Ginevra, Deliallisi Ergi, Fedi Gabriele, Giarola Gabriele Giuseppe, Giudice Giorgio, Graniero Gabriele, Graziano Alessandro, Leonardo Samuele, Macciocca Francesco, Mazzi Tommaso, Nocchi Tommaso, Pancaccini Mattia, Sarti Dario, Silvestri Vittorio, Tempestini Dario, 2H Agarini Christian, Alongi Tommaso, Amoruso Matilde, Baldi Vittoria, Balzano Matteo, Becherini Giovanni, Bozzi Giacomo, Caradonna Sara, Coco Giovanni, Del Rio Giorgia, Eberle Margherita, Guida Marco, Hurtado Cabracancha David Brayan, Lami Vittoria, Launaro Caterina, Menichetti Valerio, Milianti Giovanna, Morelli Giorgia, Pappalardo Cristiano, Ruffini Federico, Sicca Simoni Aurora, Tonazzi Alexandra, Ceccarelli Paola

A seguire lo spettacolo della II B della scuola secondaria di 1° grado Michelangelo “Non fare il Bullo… Calma”, uno spettacolo che affronta in modo realistico e spontaneo il tema del bullismo rappresentando una giornata a scuola “tra gioie e dolori” la regia è di Paola Martelli.

La sera alle 21 ci spostiamo sul palco del teatro Goldoni dove il Laboratorio Giovani della Bottega d’Arte proporrà “Studio per sogno di una notte di mezza estate”.

Sogno Di Una Notte Di Mezza Estate non è solo un testo che parla di amore ma è una vera e propria “Ode all’amore”. Quando lo scrive il giovane William è un uomo innamorato della vita, sposato, padre di tre figli, appena trentenne, che da qualche tempo ha deciso di lasciare a casa l’amore della moglie e l’amore dei figli per trasferirsi a Londra – capitale della cultura e anche delle “case d’amore” – per dare sfogo ad un altro amore della sua vita, il teatro. Il Sogno Di Una Notte Di Mezza Estate è il momento in cui Shakespeare, forse un po’ perso tra tutti questi “amori”, decide di investigare questa parte così importante delle nostre vite. E così sceglie i suoi protagonisti, quattro adolescenti – i veri professionisti delle passioni, forse perché i più sensibili ad esse o forse semplicemente perché più esposti di chiunque altro – e li lancia nella foresta delle passioni, i cui rami, alberi e cespugli sono fatti di tutti i tipi di amore. Ci sono l’amore ricambiato e l’amore negato; quello di un padre per la figlia e quello di una madre per un figlio; l’amore che è solo pensiero e l’amore che è tutto sesso e desiderio; l’amore per l’arte e chi muore per amore; quello tutta passione, quello solo dolore, quello della gravidanza, quello per i propri amici, quello che è tutto un tradimento e molti, molti, molti altri ancora. Ma quella che viene considerata come la commedia per antonomasia di Shakespeare all’inizio è tutt’altro che una commedia. Tutto all’inizio sembra messo per il peggio. Poi, all’improvviso, spuntano due folletti, due esseri leggeri armati di un fiore che, se applicato sugli occhi, ha il potere di cambiare il nostro modo di guardare alle cose e quella che sembrava una tragedia garantita fa una capriola e cambia faccia. Forse Shakespeare in tutta questa ricerca qualcosa ha trovato. Come guardiamo noi? E quando guardiamo, cosa vediamo?
Con Argiero Francesca, Barontini Camilla, Bencreati Benedetta, Borzatti Eleonora, Caia Celeste, Cappelli Gaia Cinelli Sara, Cioni Alice, Cuccu Gosvami, Di Giovanni Arianna, Fantasia Anastasia, Ferrieri Caputi Luigi, Figlioli  Eleonora,  Figlioli Arianna, Frasca Francesco, Lombardi       Mattia, Lucchesi Rebecca, Marrucci Matteo, Merelli Rinaldo, Micalizzi Stefano, Minervini Maria Vittoria, Mini Agnese, Papa   Giulia, Pardini    Enrico,Passetti  Ambra, Rizzo Marta, Zanfagna Gabriele, Mise en espace Mauro Pasqualini collaborazione Niki Mazziotta

Lo spettacolo sarà replicato mercoledì 9 sempre alle 21.

Riproduzione riservata ©