Cerca nel quotidiano:


Oggi Villa Fabbricotti tirata a lucido dai bimbi

Presente anche la stazione ecologica itinerante di Aamps per la raccolta ingombranti

Venerdì 23 Settembre 2016 — 07:30

Mediagallery

Un paio di guanti, due sacchi per la raccolta dei rifiuti (giallo per il multimateriale, grigio per l’indifferenziato) e… tanto entusiasmo per partecipare alla pulizia straordinaria di Villa Fabbricotti e delle zone limitrofe (piazza Matteotti, via dei Pini, via Accademia labronica, via Bartolena). (Leggi qui la critica di Legambiente al Comune sull’uso dell’inceneritore al Picchianti).
Decine di bambini della scuola elementare “P. Albertelli” (III A e B e V A e B), ma anche tanti volontari desiderosi di dare il proprio contributo a favore dell’igiene e del decoro urbano, si sono presentati questa mattina all’info point di AAMPS posizionato all’ingresso del parco pubblico per partecipare a “Puliamo il Mondo”, l’evento “green” promosso da Legambiente.
Gli operatori di AAMPS hanno dapprima consegnato il kit per effettuare la raccolta; poi hanno “istruito” tutti i partecipanti alle corrette modalità di conferimento dei rifiuti; infine hanno provveduto a raccogliere i sacchi riempiti di piccoli rifiuti di varia tipologia (bottigliette di plastica, lattine, brick in tetrapak e gli immancabili mozziconi di sigaretta).
“Vedere tanti cittadini al nostro fianco in eventi come questi – sottolinea Paola Petrone, Consiglio di Amministrazione di A.Am.P.S. SpA – ci inorgoglisce e rappresenta un ulteriore stimolo a fare sempre meglio nell’erogazione dei servizi alla città. Auspichiamo che, parallelamente e progressivamente, risultino sempre meno coloro i quali, invece, continuano a non rispettare le più elementari regole del senso civico, deturpando le strade e le piazze costringendoci ad interventi di pulizia straordinaria costosi per tutta la collettività”.
Durante “Puliamo il mondo” AAMPS ha posizionato sul viale della Libertà anche la postazione mobile dove i cittadini della zona hanno potuto portare gli ingombranti da cui disfarsi. Si ricorda che per tale operazione è possibile prenotare il ritiro gratuito a domicilio telefonando al numero verde 800-031.266, inviando un messaggio sulla piattaforma “whatsapp” (366/62.00.878) oppure un’email all’indirizzo [email protected]. A disposizione dell’utenza anche i Centri di raccolta in via Cattaneo (rione La Rosa) e via degli Arrotini (località “Picchianti”).

 

Riproduzione riservata ©

14 commenti

 
  1. # Kristy

    Molti cittadini incivili e maleducati.

  2. # Dredd

    Ma un cestino che è strapieno chi lo deve svuotare? L’AAMPS ogni tot giorni o qualche volontario una volta all’anno? Queste iniziative sono assolutamente inutili, che senso ha avere il parco con la sporcizia 364 giorni all’anno e 1 giorno solo “tirato a lucido” ? Ai ragazzi delle elementari insegnateli a non buttare le carte in terra ogni giorno invece di fargliele raccogliere una volta l’anno.

    1. # luca

      fargliere raccogliere insegna che è molto più più facile non gettarle in terra ma in un cestino…mi raccomando il bicchiere sempre mezzo vuoto, mai mezzo pieno!!!

      1. # Dredd

        Ripeto: il cestino STRAPIENO chi lo deve svuotare? Il volontario o l’Aamps che noi paghiamo?

  3. # Libero

    Ma quanto durerà l’aver “tirato a lucido” la villa? Un mese, una settimana?
    Tutto è nelle mani del civismo di chi frequenta il parco pubblico!!!

  4. # AMEDEO

    ENNESIMA PROPAGANDA PER CHI? FIN TANTO CHE QUALCUNO PULISCE, QUALCUNO INSUDICIA INCIVILMENTE.
    MA LE MULTE CHI LE DEVE FARE?

  5. # pietro

    si vede benissimo che ci sono cestini pieni se nessuno li vuota è chiaro che lo sporco va in terra …l’inciviltà mi sembra sia nel non vuotare regolarmente i cestini.

    1. # G

      I bambini stamani hanno raccolto da sotto le panchine e vicino ai giochi una quantità enorme di mozziconi di sigaretta…. Anche quelli fuoriescono dai cestini???
      Che mondo brutto gli stiamo lasciando

  6. # asciugati

    Finchè puliscono sempre i volontari quelli pagati apposta per farlo sono contentissimi !

  7. # Pino

    Lo sporco non è solo vicino ai cestini, ci sono cicche, carte di gelato, palloncini scoppiati e un sacco di altre meraviglie nel bel mezzo del prato.. il problema non è il cestino pieno ma l’inciviltà della gente.

    E comunque ok educare i bimbi, ma dovrebbe essere compito del comune pulire il parco, non di volontari che sacrificano tempo e energie perchè l’amministrazione non fa il proprio dovere.

  8. # Carlo

    ma se io pago la TA RI, perchè devo poi fare il volontario ? cioè fare quel lavoro che chi è pagato non fa ?

  9. # karl

    ma perché fare pulire a bimbi cosa centrsno loro..e non ai grandi che vivono a spese della comunità e del Comune , dagli extracomunitari che girano a folle per Livorno e da chi occupa case e palazzi loro cosa ..sono..indenni..che tanto paghiamo sempre noi le loro spese di acqua d luce ..e pure la loro spazzatura

    1. # luca

      i grandi sono irrecuperabili, con questo metodo si spera di educare le nuove generazioni nonostante i genitori

  10. # steve

    Ottimo eventi e quindi forza ragazzi! Magari la prossima volta ci mandiamo i finti rifugiati che non fanno niente dalla mattina alla sera e lasciamo giocare i bambini.