Cerca nel quotidiano:


Il Cacciucco Pride… è servito! Ecco le date

La manifestazione enogastronomica prenderà piede per tre giorni dal 4 al 6 settembre subito dopo i due weekend di Effetto Venezia

Domenica 2 Agosto 2020 — 09:47

Mediagallery

Ad annunciarlo ufficialmente la pagina Facebook della ProLoco di Livorno che invita chiunque voglia collaborare o partecipare all'evento come ristoratore di farlo tramite l'invio di una e-mail a [email protected]

L’estate labronica non si ferma. Se pur con tutte le cautele e le norme di sicurezza previste dai protocolli sanitari vigenti per contenere il contagio da Coronavirus, i grandi eventi vanno avanti (foto in pagina di Emanuele Carmassi, tratta dal profilo Facebook ufficiale della manifestazione). Prima la gara remiera “Labronica”, poi l’anteprima la sera del 2 agosto del Mascagni Festival che si svilupperà a settembre per arrivare ai due weekend di Effetto Venezia (21-22-23 e 28-29-30 agosto) per poi rituffarsi nelle tradizioni gastronomiche locali con il Cacciucco Pride. Lo aveva annunciato già un maxi totem ai piedi del cavalcavia della stazione: “Ora viene il bello”, una preview pubblicitaria di tutto quello che la calda stagione avrebbe offerto ai livornesi e ai turisti da luglio a settembre. Bene, adesso sono arrivate ufficiali le date della kermesse enogastronomica più attesa dell’anno, quella che rilancia le nostre origini e le nostre tradizioni culinarie e identitarie. Il Cacciucco Pride si farà, ripetiamo in massima sicurezza, e prenderà piede per tre giorni: venerdì 4, sabato 5 e domenica 6 settembre.
Ad annunciarlo ufficialmente la pagina Facebook della ProLoco di Livorno che invita chiunque voglia collaborare, partecipare come ristoratore, richiedere la certificazione del cacciucco “5C”, o avanzare proposte in merito alla manifestazione di farlo tramite l’invio di una e-mail a [email protected].
Ancora top secret programma, ospiti ed eventi che saranno parte della tre gironi fatta di spettacoli, cibo e buon vino. Una cosa è certa: Livorno non si ferma e ancora una volta porta in alto il vessillo della tradizione.

Riproduzione riservata ©