Cerca nel quotidiano:


Spazza-tour/3, la pulizia non manca ma si potrebbe fare meglio

Ispezionata Ardenza/La Rosa. La pulizia delle strade è notevole: nessun cassonetto è presente, tranne che per quelli "colorati" del servizio Aamps

Lunedì 14 Maggio 2018 — 07:50

di Filippo Ciapini

Terza tappa del reportage di Quilivorno.it (clicca qui – la prima tappa e clicca qui – la seconda tappa) alla ricerca del degrado lungo i marciapiedi e, in particolare, dei rifiuti ingombranti abbandonati ai cassonetti. Il 10 maggio lo “spazza-tour”, così come lo abbiamo chiamato, ha interessato dalle 11.30 alle 13 la zona ArdenzaLa Rosa dove, però, già da qualche mese, è già attivo il servizio “Porta a Porta”. Partendo da via Bat Yam e facendo una prima ispezione la pulizia delle strade è notevole: nessun cassonetto è presente, tranne che per quelli “colorati” del servizio Aamps, alcuni, come quelli di via Tommasi incrocio con via degli Oleandri sono addirittura legati (come dimostra la foto in pagina).
La situazione è analoga a quella precedente in via Machiavelli, via Villari e via Lambruschini, dove non è presente alcun cassonetto e non sono presenti rifiuti sui marciapiedi, cosa che succede quando all’incrocio tra via di Popogna e via Settembrini spunta un materasso ai piedi della carreggiata che fa da apripista ad una situazione poco piacevole.
Andando internamente verso via Michel e via Bikonacki la cosa che tristemente salta subito all’occhio è che la sporcizia in questa zona non è dettata da una cattiva efficienza del “Porta a Porta” ma da una scarsa attenzione e noncuranza del residente poiché, dove i contenitori sono messi regolarmente nella stragrande maggioranza di casi la sporcizia ed i rifiuti non lo sono.

Tornando indietro la zona di via degli Scarronzoni, via Liegi e tutte le traverse di via Tommasi confermano quanto visto nel viaggio di andata, ma la gioia dura poco quando entrando in via Cattaneo, sulle uniche quattro postazioni adibite ai cassonetti, il 75% di essi presenta rifiuti non al loro posto, tra i quali spicca anche una boa arancione: considerando che a pochi metri di distanza è presente la stazione ecologica è veramente frustrante che su quattro cassonetti controllati tre non siano “in regola”.

Conclusioni – Medaglia verde alla zona di via Machiavelli, Lambruschini e Villari dove il servizio, svolto regolarmente, viene rispettato almeno in termini di pulizia dagli utenti. Mentre da rivedere la zona sotto il ponte via Michelma soprattutto in via Cattaneo ed ex Circoscrizione 5 dove nemmeno i normali cestini vengono utilizzati in maniera consona.

Riproduzione riservata ©

31 commenti

 
  1. # berto

    via Bengasi un water e due sedie

    1. # Patrizia

      Ahahahahahah…come dire:
      ” Siediti dove preferisci ! “

  2. # occhiaperti

    avete fatto bene a sottolineare l’errore del residente. moltiplicate per mille e finalmente capite quale è la piaga numero uno della città

  3. # bimbone

    via Bengasi è vergognoso…..ogni giorno c’è qualcosa di nuovo…e più ingombrante…..tavoli, sedie, divani, cessi…uno schifo…!!! mettere due telecamere per beccare i sudici..???

  4. # Pio

    Un materasso fa belle vista di se appoggiatoal muro sul marciapeide in Via san Carlo, angolo via carrozzieri (e’ anche pericoloso per i passanti).
    Quei cassonetti avrebbero bisogno di una telecamera, sono completamente al buoi di notte, le “bestie”
    ci mettono di tutto…

  5. # fabio1

    “Andando internamente verso via Michel e via Bikonacki la cosa che tristemente salta subito all’occhio è che la sporcizia in questa zona non è dettata da una cattiva efficienza del “Porta a Porta” ma da una scarsa attenzione e noncuranza del residente poichè, dove i contenitori sono messi regolarmente nella stragrande maggioranza di casi la sporcizia ed i rifiuti non lo sono”.
    Quindi avete la dimostrazione che con il porta a porta è tutto ok. Dovete passare LA SERA, perchè la mattina avviene lo svuotamento dei bidoni.
    Ma i costi per trovare lo spazio dei bidoni sono a carico dei condomini (non è una domanda ma una affermazione).
    Perchè non scrivete cosa avete trovato nei bidoni del PAP? Apriteli e verificate se è tutto corretto. Altrimenti il PAP serve a poco/niente.
    Come faccio a sapere se tutti i condomini fanno una corretta differenziata se ci sono i bidoni condominiali?
    Dove va a finire il rifiuto differenziato?

  6. # Patrizia

    Scusate , mi togliete una curiosita’ ? Se l’ intento e’ quelli di spegnere l’ inceneritore, dove viene smaltita l’ indifferenziata, allora dove andra’ a finire la futura indifferenziata , quella che l’ Aamps di norma ritira una sola volta alla settimana ?

    1. # #olindo

      L’indifferenziabile del porta a porta andrà a finire in un altro inceneritore o alla peggio in discarica(contravvenendo alla legge) . Quindi , come vede ..il rifiuto zero è utopia.

  7. # LEGA prima gli ITALIANI

    Iniziamo a fare il tour bue in strada

  8. # Francesca

    Venite in via della Bassata e Borgo….

  9. # Elisa

    C’È una via a Livorno, un po’ nascosta, ma bellissima, via ombrosa…
    Un piccolo paradiso…ma pieno di sporcizia di ogni tipo…..

  10. # Ada

    Veramente in via Villari la plastica aspetta di essere ritirata da giovedì scorso… forse qualche cortile vi è sfuggito al controllo…! Se volete inoltro foto…

  11. # chico

    disobbedienza civile ci vuole, buttare i sacchetti in mezzo di strada e forse si renderanno conto che questo sistema di raccolta è assolutamente da cambiare.

  12. # carla

    bravi

  13. # Morchia

    Qual’è lo scopo di questi tour?

  14. # Bob no one

    Insomma, dall’articolo si evnice che:
    cassonetto=degrado e incivilta’ dove abbandonare tranquillamente qualunque schifezza.
    Porta a porta=maggiore responsabilita’, pulizia e decoro.
    Ma ovviamente la colpa e’ di Nogarin, questo lo sanno tutti..

    1. # fabio1

      Bob no one, lo scopo sarebbe quello di darti ad intendere che con il PAP si risolvono tutti i problemi della spazzatura.
      L’ignoranza c’è e ci sarà sempre. prova ad aprire i bussoli condominiali e prova a vedere se viene fatto un corretto conferimento dei rifiuti.

    2. # giornalaio

      Perché non fate, senza essere di parte, un bel porta a porta tour…

      Lo so lo so è difficile fare del buon giornalismo!

    3. # Morchia

      Per fare qiesto ragionamento il tour avrebbero dovuto farlo anche prima del pap e poi fare un confronto. Così è truffaldino

  15. # Mary

    Basta aprire i cassonetti del porta a porta e il degrado c’è anche lì !! non viene rispettato il calendario e fuori dei bidoni viene lasciato di tutto …quindi mi chiedo iniziano a multare a tappeto chi non differenzia oppure il porta a porta è una bufala .

    1. # efficienza

      mi risulta che stanno gia’ facendo le multe … mi aspetto un ritiro dei rifiuti altrettanto efficiente …

  16. # 5stelleunavoltaebasta

    Sono d’accordo con te Chico, questi articoli sono solo “propaganda a 5stelle” il risultato della raccolta differenziata è una bidonville.Riguardo a Nogarin, sindaco che ho votato e al quale và il mio più profondo disprezzo, sarebbe ora che si levasse i paraocchi e cominciasse a fare un pò di autocritica. I risultati che ha ottenuto sono deludenti e grazie alle sue scelte condivise solo dalla sua cerchia (nella quale peraltro non mancano le defezioni) la qualità della vita in città è peggiorata.E’ riuscito nella impossibile impresa di far rimpiangere il PD

  17. # D

    Basta avere senso civico e avvertire immediatamente le forze dell’ordine e senza nascondersi dietro qualcosa per non aver paura di ripercussioni da chi abbandona rifiuti, a parte questo vorrei segnalare come ho già fatto sul sito di alms ma non sono stato preso in considerazione, in via fiume accanto alla questura è diventata una discarica e siamo nel centro di Livorno a 5 m dalla questura e a 20 m dal Comune è veramente una vergogna, non siamo in periferia O non siamo in una zona non controllata, ci sono anche le telecamere della questura che riprendono e vorrei sapere il perché non vengono presi provvedimenti tutta la città deve essere Linda pulita e ogni persona deve avere senso civico di non abbandonare i rifiuti visto che vengono ritirati gratuitamente dall’Amsa, ma nel pieno centro della città Come si fa a vedere una cosa del genere specialmente ora che stanno cominciando ad arrivare i turisti

  18. # Doriano

    Via Maggi davanti al nr. 88…. e sono già molti giorni !!!

  19. # gigi

    Perché non venite in zona borgo ? in via delle Navi, in via Bini, in via Crimea angolo via San Carlo, in genere i cassonetti sono in buona compagnia….

  20. # marco62

    Prima di tutto affermo che sono da condannare coloro che abbandonano i rifiuti per strada. Però non ci sarebbe da chiedersi come mai praticamente in tutta la città vengono abbandonati i rifiuti ingombranti? Una parte sicuramente è da imputare all’ignoranza e al mal costume dei cittadini, ma non sarà anche in parte colpa che ad esempio il punto di raccolta in via Cattaneo alla Rosa è aperto solo 2 volte di pomeriggio? Non sarà un modo per contestare un porta a porta che non funziona e che porta solo disagi a noi cittadini? Non sarà che per avere il ritiro, previo appuntamento con AAMPS, abbia tempi biblici e abbiamo troppi paletti sulla quantità? Non ci credo che tutti i cittadini sono incuranti della propria città.

  21. # Beppe

    Non vedo buona fede in tutti questo parlare.
    Il problema c’è perché è stato creato.
    Il rifiuto è prodotto perché rende agli smaltitori altrimenti si sarebbe intervenuto alla fonte.
    Vietare l’eccesso di imballaggi, agevolare il vuoto a rendere, eliminare dalla produzione tutti i materiali non riciclabili ( solo alcuni tipi di plastica sono riutilizzabili) , facilitare il riconoscimento dei materiali per il loro corretto conferimento, riaprire i cancelli delle aziende che fino a ieri pagavano i rottami che il cittadino conferiva e che ora hanno il divieto di ritiro. Quando per bisogno si andava a ” far cartoni” di recuperava qualche soldo e carta in giro non se ne vedeva come pure ferro,alluminio,vetro, pelli di coniglio, stracci, …..
    Ridateci il ” CENCIAIO” , teneva pulito!

  22. # Bastiancontrario

    Purtroppo contro la stupidità ed inciviltà delle persone non ci sono manager o sindaci bravi che tengano…….

  23. # fabio1

    bob no one; per come è scritto l’articolo ti vogliono dare ad intendere che il PAP è migliorativo.
    Per il modo in cui viene gestito non cambierà molto. nessuno controlla cosa viene buttato nei nuovi bidoni condominiali! Basta che tu faccia un giro nelle zone dove viene fatto il PAP e ti rendi conto delle situazione igienico sanitaria in cui viviamo. Se non vengono colpite direttamente le persone, non cambierà nulla nemmeno dopo. Nessuno controlla se le famiglie con bidoncini monofamiliari fanno il corretto smaltimento. Te lo dico per esperienza: io lo faccio, tanti altri buttano la spazzatura in altre zone. Il modo di ritiro è ingestibile, dispendioso ed inutile ai fini dell’obiettivo preposto.

    1. # Ale66

      CONCORDO.

  24. # Stella

    Dobbiamo dire che il livornese è un RIBELLE di natura….quando gli viene imposto Una cosa…fa esattamente l’opposto!!!! Per quanto riguarda il pap condominiale non fatto con precise regole, essendo bidoni con codici, risalgono al condominio e fioccano giù multe( praticamente ci rimette tutto il condominio per uno che fa il furbo…PENSA DI FARE IL FURBO!!! VAGLIELO A SPIEGARE…NON CE PIÙ SORDO DI CHI NON VUOL SENTIRE