Cerca nel quotidiano:


Venezia, i locali spengono le luci a mezzanotte per 5 minuti

Protesta del CCN Venezia dopo l'ordinanza comunale. "Vogliamo far capire cosa vorrebbe dire la Venezia spenta. In tutti i sensi. Avremo l'appoggio dei nostri clienti, ne sono convinta"

Venerdì 8 Ottobre 2021 — 15:38

Mediagallery

Che l’ordinanza del Comune contro il degrado e l’inquinamento acustico non sia stata accolta con entusiasmo lo si è capito il giorno dopo con la presa di posizione di Confcommercio e Confesercenti. Adesso i gestori dei locali della Venezia hanno deciso di protestare. “Sarà una protesta pacifica – tiene a sottolineare Camilla De Salvo, presidente del CCn Venezia – anche se siamo molto molto arrabbiati. Non è il tipo di soluzione che ci aspettavamo. Abbiamo deciso di spegnere per 5 minuti, a partire da mezzanotte, le luci dei nostri locali”. Il giorno e l’orario scelti sono significativi perché l’ordinanza comunale prevede “da venerdì 8 ottobre e per un mese, da mezzanotte alle 6, il divieto di consumo di bevande alcoliche, superalcoliche e non alcoliche nelle aree pubbliche, aperte al pubblico e soggette ad uso pubblico nell’area del quartiere della Venezia e di piazza XX Settembre”. “Sono già una quindicina le attività, in particolare quelle del dopo cena, che hanno aderito – spiega De Salvo – L’intento è quello di far capire cosa vorrebbe dire un quartiere come la Venezia spento. In tutti i sensi. Avremo l’appoggio dei nostri clienti, ne sono convinta”.

Riproduzione riservata ©