Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Gasbarro: “Presto vedrete il vero Livorno”

Mercoledì 28 Settembre 2016 — 17:29

Le ultime due partite contro Lucchese e Olbia non hanno entusiasmato, anzi (clicca qui – infermiera piena). Hanno fatto venire più di un dubbio sulla rosa messa a disposizione di Foscarini in vista di questo campionato di Lega Pro. I tanti infortunati stanno incidendo in negativo e bisognerà aspettare ancora un mese prima di riveder un Livorno degno di tale nome. Chi sta piano piano trovando la condizione è Gasbarro, come lui stesso ammette: “Non ero al top perché non ho fatto tutto il ritiro e ho saltato qualche allenamento. Ora per fortuna sono tornato in condizione anche se la forma si ritrova solo giocando”.

Qualche rimpianto per essere rimasto a Livorno?
“Se ce lo avessi avuto non sarei qui adesso. Sono felice di continuare a giocare ancora in amaranto perché questa è casa mia. Mi rimetto in gioco e penso solo a fare bene per poter ritornare subito in B con questa squadra”.

L’inizio non è stato molto incoraggiante. 
“E’ stato difficile ma è ancora presto per fare bilanci o simili. Siamo solo all’inizio del campionato. L’importante è restare aggrappato alle prime posizioni per poi approfittare dei passi falsi dei nostri avversari”.

Ad Olbia la prestazione è stata nettamente insufficiente. 
“Abbiamo avuto un atteggiamento troppo remissivo. Il loro resta un campo difficile, ma non si può affrontare una gara così. Dispiace per il gol arrivato nel finale e questo ci deve servire da lezione: se non manteniamo alta la concentrazione sempre veniamo puniti”.

Come consideri tutti questi infortunati?
“E’ difficile dare una risposta perché non sono un esperto. Può essere sia sfortuna che un lavoro fatto male. Sicuramente tutti questi ko non ci aiutano visto che in attacco siamo contati”.

Che tipo di partita ti aspetto contro il Giana?
“Sono partiti molto bene; occorrerà affrontarli con la giusta cattiveria. Davanti hanno Bruno, centravanti molto esperto. Noi sicuramente andremo là per ottenere i tre punti”.

Pensi che una volta rientrati gli infortunati il Livorno sarà al pari delle altre?
“Quando siamo tutti, possiamo giocarcela contro chiunque. L’Alessandria ora sta ammazzando il campionato ma sicuramente non potranno tenere questo passo per sempre”.

Ti abbiamo visti in molti ruoli, ma qual è quello tuo?
“Io nasco e ho sempre giocato come centrale di difesa. In questo anno a Livorno non ci ho giocato mai ma mi so adattare e gioco dove il mister ha bisogno”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©