Cerca nel quotidiano:


Livorno-Frosinone 2-2, la vittoria sfugge per un rigore generoso. Cessione società, il comunicato

Amaranto due volte avanti con Ferrari e Del Prato e ripresi prima da Citro e poi dall'ex Dionisi che segna dal dischetto

Martedì 3 Marzo 2020 — 22:55

Mediagallery

Secondo risultato utile per la squadra di Breda dopo la vittoria col Chievo, adesso testa al derby di sabato contro il Pisa

di Simone Panizzi

Non basta un ottimo Livorno, forse uno dei migliori visti questa stagione, ad aver ragione del Frosinone (cessione società: clicca qui). A mettere i bastoni tra le ruote a Breda, che finalmente sembra aver trovato la quadra con Awua in mediana e Ferrari in attacco (anche oggi tra i migliori come a Verona col Chievo), ci ha pensato il direttore di gara Minelli. A suo carico molte decisioni discutibili, e soprattutto il rigore assegnato agli ospiti al 68′ per un presunto fallo di Seck ai danni di Novakovich, poi realizzato dall’ex Dionisi (fischiatissimo anche lui). Giusto per dare un’idea, l’attaccante del Frosinone non aveva neanche protestato.
Il Livorno, una volta prese le misure alla squadra di Nesta, era passato per primo in vantaggio con Ferrari, bravo a smarcarsi in area sul cross di Marras e a mettere in rete di testa. Il Frosinone risponde subito con Maiello e Citro, ed è poi lo stesso Citro a trovare il pari con un tocco in area piccola. Prima del duplice fischio, un’altra occasione per parte: Rohden prende la traversa (seppur in leggero fuorigioco non rilevato) mentre Agazzi dall’altra parte calcia debole su Bardi invece di buttar giù la porta.
Il centrocampista amaranto si fa perdonare a inizio ripresa quando offre a Del Prato l’assist vincente, deviato in rete dall’esterno. Già detto del due a due di Dionisi, gli ultimi venti minuti sono vibranti ma senza nitide occasioni da gol.
La partita si chiude tra i fischi dei tifosi all’indirizzo dell’arbitro e gli applausi rivolti ai propri giocatori, usciti a testa alta dal campo. Il miglior modo di approcciare il derby di sabato prossimo.

IL TABELLINO

LIVORNO: Plizzari, Di Gennaro, Silvestre, Bogdan, Del Prato, Agazzi, Awua, Porcino (46′ Seck), Marras (83′ Brignola), Ferrari (81′ Braken), Marsura. A disposizione: Zima, Ricci, Boben, Luci, Viviani, Morganella, Rizzo, Rocca, Simovic. All. Breda
FROSINONE: Bardi, Brighenti, Ariaudo, Zampano, Krajnc, Rohden, Maiello (62′ Dionisi), Haas (66′ Vitale), D’Elia, Citro, Novakovic (84′ Paganini). A disposizione: Iacobucci, Trovato, Salvi, Capuano, Beghetto, Szyminski, Tribuzzi, Luciani. All. Nesta
Arbitro: Minelli di Varese (assistenti Pagliardini e Miele, quarto uomo Baroni)
Reti: 15′ Ferrari, 31′ Citro, 50′ Del Prato, 69′ Dionisi rig.
Note: ammonito Marras (L), Agazzi (L), Awua (L), Novakovich (F), Krajnc (F); calci d’angolo 4-5; recupero 1’+4′; spettatori 3946.

di Simone Panizzi

Plizzari 6: nessuna incertezza, prende un gol nell’area piccola e uno su rigore.
Di Gennaro 6: qualche errore in impostazione, ma non è il suo compito principale. Difende bene la zona.
Silvestre 6,5: dietro è il migliore, mette una pezza in svariate situazioni potenzialmente pericolose.
Bogdan 6: troppo lento nel raddoppiare su Novakovich, ma nel complesso non sfigura di fronte ad attaccanti di razza.
Del Prato 7: primo gol in amaranto, un premio all’impegno messo in questi mesi. Gioca a tutta fascia, tiene basso il diretto avversario.
Agazzi 6,5: pesa il gol sbagliato a fine primo tempo, ma l’assist per il raddoppio arriva con una gran giocata.
Awua 7: altra prestazione importante, corre senza sosta e a questo abbina una discreta qualità tecnica.
Porcino 5: dal suo lato il Livorno soffre nei primi 45′, lascia troppo spazio sul primo pari del Frosinone (46′ Seck 5,5: l’insufficienza è per qualche incertezza in fase difensiva, non per il rigore dove sembra non commettere alcun fallo).
Marras 7: non segna ma fa segnare Ferrari, mette a ferro e fuoco la sua fascia puntando in continuazione la difesa di Nesta (83′ Brignola sv).
Ferrari 7: forse abbiamo trovato il centravanti? Segna un gol da attaccante vero, si muove su tutto il fronte offensivo e tiene alta la squadra (81′ Braken sv).
Marsura 6: ha voglia di spaccare il mondo, ma gli riesce la metà di quello che tenta, soprattutto in ripartenza.
All. Breda 6,5: indovina la formazione di partenza, cambiando solo il minimo necessario. La squadra avrebbe meritato anche di più del risultato finale, arbitro permettendo.

Riproduzione riservata ©

Photogallery

12 commenti

 
  1. # VOLTONE

    SPERIAMO CHE STASERA NEL NOSTRO STADIO CI SIA TANTO TIFO A FAVORE AMARANTO SEMPRE FORZA LIVORNO

  2. # Fabrizio 48

    Se non fa giocare Awua Breda diventerà il campione mondiale d vinciperdi

  3. # Mimmo

    Voglio vedere a centrocampo Awa ed Agazzi!,come siamo messi in classifica non si puo’ tenere in panchina Awa!!!!.,non mi sembra un msg da non passare!!!

  4. # Gio67

    RIGORE AL FROSINONE …ALTRO CHE GENEROSO…. INESISTENTE…PARTITA FALSATA ..ALLORA C’ERA ANCHE UN RIGORE PER NOI….PER FALLO IN AREA…ORA IL DERBY….

  5. # Salvatore

    Dalla “FERRARI” siamo tornati alla “500”…..Grazie arbitro di….per il rigore che non c’era…

  6. # Marcovaldo

    Un plauso alla squadra. Gli abbiamo chiesto di retrocedere con dignità, e questo sta facendo. Quanto all’ arbitraggio, che dire. Arbitrare a Livorno è diventata una pacchia. Si può fischiare tranquillamente a senso unico per la squadra ospite, tanto ai tifosi interessa solo insultare Spinelli. Ieri, addirittura, mentre l’ arbitro era intento ad apparecchiare la partita scandalosamente a favore del Frosinone, i pochi ultras presenti concentravano tutte le proprie energie su un coro che augurava il ben noto Virus al presidente! E questo nonostante la società gli avesse riservato ben 500 biglietti per il derby! Comunque, ciò che importa, è che i nuovi innesti abbiano trasformato completamente la squadra. A tal punto da credere ancora (mi pare evidente) nella possibilità di agganciare i play-out! E’ vero, si tratta di una missione quasi impossibile, ma è bello vedere che a Livorno c’ è ancora qualcuno che crede nei sogni. Ed ancor più bello è vedere che lo fa’ nonostante lo scetticismo e addirittura l’ ostilità che li circonda. Bravi ragazzi, e ora regalatevi un derby degno della tradizione amaranto. Forza Unione

  7. # VOLTONE

    Bravo ” MARCOVALDO ” è proprio così se non peggio, peccato che siano discorsi nel vuoto. Spinelli ora è un nemico da far fuori, poi si vede, l’ importante è cambiare con uno che piace ad alcuni poi va tutto bene . Dopo un arbitraggio così fazioso, ma, non c’è una presa di posizione di nessuno che può parlare a nome dei tifosi e dei livornesi, dobbiamo essere cornuti, mazziati e zitti. Non mi riconosco più di essere un livornese di scoglio, cosa che ne andavo orgoglioso. SEMPRE FORZA LIVORNO

  8. # Mimmo

    Contro il Frosinone abbiamo subito un Furto,stessa formazione con Seck al posto di Porcino ed espugnamo Pisa!!!

  9. # Maurizio72

    Bravo MARCOVALDO condivido in pieno il tuo (giustissimo) commento!
    Forza Livorno …fino alla fine!

  10. # PIAZZA ROMA

    io ci credo ancora

  11. # Biagio

    SE QUESTA SQUADRA CI FOSSE STATA A OTTOBRE 2019 ORA S’ERA A META? CLASSIFICA ALTROCHE’ DISCORSI.

  12. # VOLTONE

    ma anche se sabato un si dovesse vince, ma si vince, siamo sempre in corsa e ci dobbiamo credere SEMPRE FORZA LIVORNO