Cerca nel quotidiano:


Parla il nuovo vice presidente del Livorno

Marco Arturo Romano, ingegnere, romano, 53 anni, imprenditore: è il nuovo volto dell'organigramma del Livorno Calcio. Romano ha acquisito il 28% delle quote societarie

Martedì 28 Novembre 2017 — 19:09

Mediagallery

Marco Arturo Romano (nella foto), ingegnere, romano, 53 anni, fondatore e amministratore unico della società “Tecnologia & Sicurezza spa” che si occupa di sicurezza e formazione nei luoghi di lavoro su tutto il territorio nazionale. E’ lui il nuovo volto (nel ruolo di vice presidente) dell’organigramma del Livorno Calcio. Romano ha acquisito il 28% delle quote societarie – cedute dalla Spininvest Srl che rimane l’azionista di maggioranza – e raggiunto telefonicamente da Quilivorno.it nella serata del 28 novembre non si è sottratto alle nostre domande dimostrando grande disponibilità, testa sulle spalle e larghi progetti.

Non possiamo non partire da qui: perché Livorno?
“Come gruppo abbiamo negli anni sponsorizzato squadre come Lazio (l’anno scorso e quest’anno) e Frosinone (quando venne promossa in serie A). E’ la prima volta che entriamo direttamente in una società calcistica. E abbiamo deciso di farlo ritenendo che quella di Livorno fosse la piazza migliore. La società si trova attualmente in una categoria che non le compete ma ha grandi possibilità di risalire. Non abbiamo certo scelto Livorno in base alla posizione geografica”.

Com’è nata l’idea?
“L’idea è nata grazie alle mie intuizioni e alle mie conoscenze a Firenze con persone legate al mondo del calcio. Una di queste in particolare, conosciutissima, di cui non farò il nome, mi ha messo in contatto con Spinelli”.

Quando ha avuto il primo contatto con la famiglia Spinelli?
“A luglio il primo incontro sia con il padre, Aldo, che con il figlio. Poi i colloqui e gli incontri sono andati avanti fino ad una ventina di giorni fa”.

Una trattativa lampo possiamo dire.
“Sì posso dire che la trattativa è durata tre mesi circa in tutto”.

Che impressione le ha fatto il patron amaranto?
“Un’ottima impressione. Non lo conoscevo di persona. Mi è da subito sembrato un uomo serio che crede ancora nel calcio. Sono convinto abbia sofferto tantissimo nel vedere il Livorno in Lega Pro”.

Perché proprio il 28% ha acquisito?
“Abbiamo ritenuto fra le parti che fosse la giusta percentuale di ingresso. Non escludo in futuro nuove acquisizioni”.

Quando la vedremo a Livorno?
“Sono un appassionato di calcio, verrò quanto prima ad assistere ad una partita casalinga. Sono curioso. So che Livorno è una piazza calda (sorride, ndr)”.

Ha visto il derby?
“Sì, meritavamo il pari”.

Ingegnere, lei ha assunto la carica di vice presidente del Livorno Calcio. Quali progetti ha per la squadra? Parliamoci chiaro: la piazza vuole tornare in A.
“Puntiamo ad arrivare ai massimi livelli. Non posso sbilanciarmi sui tempi. Posso dire che saranno tempi medi, non certi, ribadisco, ma tempi medi. Non dipende solo da noi, lo abbiamo visto domenica in occasione del derby. E’ certo che se siamo entrati è per migliorare la situazione attuale”.

Sarà un vicepresidente che metterà bocca sulle scelte di campo?
“In questa prima fase mi concentrerò sulle scelte di società ma non nascondo che mi piace condividere anche le scelte di campo, quelle che possano dare un valore aggiunto. Vedremo. Al momento le cose stanno andando bene così”.

A proposito di scelte di campo, farete acquisti a gennaio?
“Qualche giovane è già attenzionato”.

Capitolo stadio, saprà quelle che sono le condizioni della struttura. Quali sono le sue intenzioni al riguardo?
“Non solo Livorno ma tanti stadi d’Italia sono ridotti male. Ad ogni modo penseremo nel tempo anche a questo aspetto”.

Riproduzione riservata ©

4 commenti

 
  1. # Massi

    Ottimo…la società si rinforza. Avanti così..ma lo stadio nuovo deve essere la priorità.

  2. # piero

    GRANDE!!!!! forza Livorno

  3. # Conte Favati

    FORZA LIVORNO….Buon indizio direi….

  4. # Nicola

    Un grosso in bocca al lupo al nuovo vicepresidente, la società quest’anno sta facendo ottimi investimenti, ne va dato atto a Spinelli, la speranza è che questo sia un punto di partenza per il futuro brillante del Livorno in tutti i settori, squadra, settore giovanile e stadio, questi sono i presupposti per creare qualcosa di veramente buono e solido…avanti cosi, forza Livorno!!!