Cerca nel quotidiano:


Peiani entra nel Livorno, suo il 20% delle quote

Il fondatore di Uappala Hotels rileva il 20% delle quote, la famiglia Spinelli socio di maggioranza con il 52% e Romano il 28%. "Parlo da imprenditore ma anche e soprattutto da livornese e tifoso: questo 20% è in un certo senso della città"

Sabato 12 Maggio 2018 — 12:35

Mediagallery

“Sì ho acquistato il 20% del Livorno Calcio. Sono molto contento. Parlo da imprenditore ma anche e soprattutto da livornese e tifoso amaranto: questo 20% è in un certo senso della città. Dei livornesi”. Raggiunto telefonicamente da Quilivorno.it il 12 maggio, Mirco Peiani, fondatore della catena Uappala Hotels (che tra gli altri gestisce l’Hotel Palazzo) annuncia ufficialmente il suo ingresso nella società (clicca qui per leggere della brutta sconfitta subita dal Livorno a Padova per 5 a 1 in supercoppa).
L’11 maggio a Genova nel corso di un cordiale incontro durato circa 4 ore fra la famiglia Spinelli, presenti Aldo e Roberto, e lo stesso Peiani è stata raggiunta l’intesa finale con tanto di firma. Peiani dunque da oggi non è più soltanto uno sponsor del Livorno (chi non ha notato la scritta Uappala sul retro delle maglie dei giocatori…) ma un socio a tutti gli effetti. “A quanto corrisponde il 20%? – prosegue l’imprenditore – Non posso e non voglio aggiungere altro anche per rispetto degli altri soci. Abbiamo deciso che tutti i numeri e i dettagli dell’operazione verranno resi noti in una conferenza stampa congiunta”. Quello che però noi intanto possiamo dirvi è lo “stato dell’arte” delle quote societarie che vede dunque la new entry Peiani con il 20%, delle quote, la famiglia Spinelli in qualità di socio di maggioranza con il 52% e Marco Arturo Romano con il 28% (che, va detto, potrebbe entro metà giugno far valere la sua opzione di acquisto del 52% di Spinelli che lo porterebbe ad avere l’80% con Peiani come detto al 20%) . Staremo a vedere. “Sono molto felice di essere entrato in questa grande famiglia – prosegue Peiani – che oggi torna ad essere fra le prime 42 squadre di Italia. Una società che, dal punto di vista del bilancio, può vantare conti in ordine come poche altre. Anche il presidente Spinelli è molto contento. Amiamo questa maglia e questa città. Adesso dobbiamo lavorare affinché progetti come lo stadio e la cittadella dello Sport in via dei Pensieri prendano vita con la speranza che anche la città di Livorno, economicamente parlando, cresca ed entri fra le prime di Italia”. A Peiani e ai suoi collaboratori l’augurio di un buon lavoro.

Riproduzione riservata ©

11 commenti

 
  1. # Renato

    Complimenti! Nuova generazione di imprenditoria che si è saputa affermare negli anni passo dopo passo e che ha dimostrato con questo atto di tenere alla città. Speriamo si sviluppi quanto da tempo progettato con la cittadella dello sport visto anche un Caprilli in un VERGOGNOSO stato di abbandono. Buon lavoro Mirco anche in questo tuo nuovo settore.

  2. # Maurizio

    Finalmente un Livornese………👍🏽

    1. # Verrai Dino

      Infatti, c’è da aver paura

      1. # Rossano

        peggio se fosse pisano. Ah già. a Pisa non hanno nemmeno gli occhi per piangere

      2. # 0586

        Sei te che te fai paura gufooo….

  3. # Gio

    Un saluto a quei gufi che avevano gia’ strappato l’abbonamento e adesso vivono dentro un armadio in attesa di nuove disavventure…

  4. # Mel

    ……Paura

  5. # Alessandro

    Bel mio corasco martelli…livornese puro sangue che ha dato l’anima per l’unione… presidentissimo all’epoca contestato e oggi rimpianto…aiutaci anche tu da lassù .

    1. # sergio

      perche’ rimpianto? A parte il rispetto dovuto, quello che abbiamo visto negli ultimi vent’anni è abbastanza appagante non credi? Il ciclo spinelli è finito, si sa ormai, Peiani porta entusiasmo e speriamo qualcuno con soldi, poi de…. noi tifosi rimaniamo sempre a prescindere… i gufi se si sentono felici a fare questi valutazioni…be ce ne faremo una ragione

  6. # mario

    benvenuto Peiani a patto che Spinelli rimanga.
    Aldo forever

  7. # piero

    grande acquisto .