Cerca nel quotidiano:


Tau-Figline, esposto in procura federale. Toccafondi: “E’ stato surreale. Mai vista una cosa simile”

Le parole del numero uno amaranto: "Tra i tifosi ho visto grande rabbia: è giusto ed è comprensibile, ma restiamo calmi e non perdiamo la lucidità. Domenica mi aspetto una reazione da parte di tutti, squadra e pubblico, in modo corretto e responsabile"

Giovedì 12 Maggio 2022 — 18:47

Mediagallery

“In quarant’anni di calcio non avevo mai visto una cosa del genere. Ero ad Altopascio con il direttore sportivo Pinzani e il tecnico Angelini, ed è stato surreale. Avendo riguardato le immagini e avendo sentito i legali, questi comportamenti potrebbero configurare un’ipotesi di illecito sportivo ai danni dell’Us Livorno 1915” (clicca qui per rivedere la DIRETTA FB).
Inizia così la conferenza stampa del presidente del Us Livorno 1915, Paolo Toccafondi, all’indomani del risultato registrato nel match tra Tau e Figline terminato con il risultato di 5 a 1 per i padroni di casa. “Da presidente – ha continuato il numero uno amaranto – ho l’obbligo di tutelare la nostra grande famiglia, in primis i tifosi che sono sempre al fianco della squadra, pertanto abbiamo presentato un esposto alla procura federale insieme al Tau Calcio Altopascio che, pur avendo vinto la partita con il Figline, si sente parte lesa. Mi dispiace soprattutto per il movimento sportivo del nostro territorio, che si basa principalmente sul volontariato”.
“Resta il fatto – conclude Toccafondi – che la squadra deve giocare domenica, scendendo in campo senza pensare a quello che è successo ad Altopascio. Nei giorni scorsi avevo parlato di coraggio, ora lo ribadisco. Siamo vicini all’obiettivo, ci manca solo l’ultimo passaggio. Tra i tifosi ho visto grande rabbia: è giusto ed è comprensibile, ma restiamo calmi e non perdiamo la lucidità. Domenica mi aspetto una reazione da parte di tutti, squadra e pubblico, in modo corretto e responsabile. Domenica allo stadio mi piacerebbe vedere un inferno sportivo amaranto. Fuori l’orgoglio, Livorno!”.

Riproduzione riservata ©