Cerca nel quotidiano:


Maroccone Beach Club, rubano nella notte bottiglie e tavolini

Un colpo da circa 5mila euro: i ladri hanno portato via la macchina del caffè, bottiglie di vino per circa mille euro, il defibrillatore, il kit di pronto soccorso dei bagnini, il pc portatile della segreteria e ben dieci tavolini di legno

Mercoledì 11 Maggio 2022 — 20:05

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

Furto nella notte tra martedì 10 e mercoledì 11 maggio al Maroccone Beach Club, stabilimento balneare con ristorante gestito da Sante Ottone e Fabio Langella a sud di Antignano alle porte del Romito. Un colpo messo a segno, purtroppo, da migliaia di euro. A raccontarlo a QuiLivorno.it è proprio Ottone che spiega come i malviventi si siano introdotti all’interno della struttura forzando il portone d’accesso che dà sulla strada. “Arrivando questa mattina (mercoledì 11, ndr) ho trovato il cancello spalancato e, affacciandomi all’interno dei locali, ho visto cosa fosse accaduto. I ladri hanno portato via la macchina del caffè, bottiglie di vino per circa mille euro, il defibrillatore, il kit di pronto soccorso dei bagnini, il pc portatile della segreteria e ben dieci tavolini di legno appena acquistati che sarebbero serviti per il ristorante per la stagione ormai alle porte”.
Il tono del titolare è, chiaramente, amareggiato. “E’ un colpo da circa cinquemila euro purtroppo. Abbiamo chiamato le forze dell’ordine a cui abbiamo fatto denuncia per quanto subito”.
Sul posto non risultano telecamere e quindi difficile capire se i malviventi abbiano agito in molti e per quanto tempo. Sicuramente il fatto di aver trasportato dieci tavolini presuppone che i ladri si siano mossi con un mezzo adeguatamente capiente per poter portar via una mole di refurtiva così importante. Il colpo al Maroccone si aggiunge alla lunga lista di furti e tentati furti avvenuti nella notte tra Circolo Arci Salviano, il furto al centro sportivo del Livorno 9, e il furto all’interno dell’Hotel Touring, che QuiLivorno.it ha raccontato e pubblicato sulla propria homepage.

Riproduzione riservata ©