Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Livorno-Carrarese 1-0. Successo Maritato

Domenica 11 Settembre 2016 — 20:54

di Riccardo Campopiano e Simone Panizzi

Prendiamoci questi tre punti sofferti ed esultiamo per la seconda vittoria consecutiva interna. Per il bel gioco, le azioni di squadra e le vittorie semplici rimandiamo tutto alla prossima partita (LA CRONACA). Già perché il Livorno ha battuto la Carrarese con il minimo indispensabile: un tiro in porta di Maritato (anzi un tacco) è bastato a far scordare la brutta prestazione contro l’Alessandria. Come ha detto Mazzoni a fine partita però c’è ancora tanto, tantissimo da migliorare perché se al 70’ la Carrarese vinceva 1-0 non c’era nulla da dire viste le occasioni da rete create (LE INTERVISTE). Le partite però si vincono anche così: soffrendo e colpendo l’avversario al momento più opportuno. Adesso però volare basso e testa al Como (LA CLASSIFICA).

size-medium wp-image-203845″ src=”http://www.quilivorno.it/wp-content/uploads/2016/09/liv-carrarese-22-300×200.jpg” alt=”liv carrarese (22)” width=”300″ height=”200″ />

Foscarini aveva chiesto una prova di carattere dopo l’opaca prestazione di Alesandria e in parte può ritenersi soddisfatto. Certo bisogna tenere presente che questa squadra sta giocando ogni domenica con molte assenze per squalifiche e infortuni. Mettete nell’undici titolare Luci, Jelenic e Vantaggiato con Gasbarro e Venitucci in forma e allora si può ragionare. Per ora accontentiamoci di avere sei punti con la consapevolezza che questo è un campionato lunghissimo e che il lavoro di Foscarini darà sicuramente i suoi frutti.

liv carrarese (20)

La sofferenza – Foscarini è tornato al fedele 4-3-1-2 abbassando Morelli e Gasbarro sulla linea dei difensori. In avanti spazio a Venitucci dal primo minuto con Cellini e Murilo coppia offensiva. La Carrarese è venuta al Picchi con il chiaro intento di tornare a casa con almeno un punto e per questo ha giocato sempre e solo di rimessa. E proprio dai contropiedi avversari sono arrivati i pericoli per la porta di Mazzoni attento però in tutte le circostanze. Degli amaranto invece nessuna traccia. I lanci lunghi in cerca degli attaccanti sono sempre stati preda dei lunghi difensori carraresi. Soltanto in un’unica occasione Cellini ha avuto l’occasione giusta per colpire ma il suo colpo di testa è finito alto.

liv carrarese (10)

Ci pensa Maritato – Nella ripresa Foscarini ha cercato di dare nuova verve all’attacco inserendo Maritato per uno spento Murilo ma è stata ancora la Carrarese ad avere la palla gol per passare in vantaggio con Bastoni ma ancora una volta Mazzoni è stato super. La partita sembrava incanalarsi verso uno spento zero a zero quando Maritato con un colpo di tacco ha trovato il classico jolly. Splendida la sua esecuzione che ha lasciato di stucco il portiere avversario. Grande la gioia per l’attaccante che ha bagnato il suo debutto in maglia amaranto con una prodezza da tre punti. Una volta in vantaggio il Livorno ha amministrato bene l’1-0 ma domenica per avere la meglio sul Como servirà molto di più.

liv carrarese (17)

Il tabellino
Livorno: Mazzoni, Morelli, Gonnelli, Lambrughi, Gasbarro (72′ Rossini), Ferchichi, Giandonato, Marchi (84′ Gemmi), Gasbarro, Venitucci, Murilo (56′ Maritato), Cellini. A disp: Falcone, Romboli, Borghese, Grillo, Diolaiti, Dell’Agnello. All. Foscarini
Carrarese: Lagomarsini, Migliavacca, Massoni, Battistini, Foglio (81′ Belfasti), Bastoni, Rosaia, Marsili, Cristini (76′ Tutino), Torelli (66′ Del Nero), Miracoli. A disp: Contini, Andrei, Bendini, Dell’Amico, Pellizzari, Amico, Marabese, Calì. Massaro.  All. Danesi
Arbitro: Guccini di Albano Laziale
Rete: 74′ Maritato
Note: angoli 4-2 per il Livorno, ammoniti Battistini, Torelli, Rossini, spettatori 4.298, recupero 0′ + 4′

liv carrarese (16)

pagelle 01

Mazzoni 7: salva la porta una volta per tempo, sempre su Bastoni.

Morelli 6: come a scuola, si applica molto ma i risultati non sempre sono quelli sperati. Foglio lo infila un paio di volte.

Gonnelli 6: ottimo primo tempo, macchia la ripresa con un erroraccio che manda in porta la Carrarese.

Lambrughi 6,5: solita sicurezza, sia da centrale che nel finale da esterno.

Gasbarro 5,5: impreciso e timido nell’appoggiare l’azione, si vede che è ancora indietro di condizione (72’ Rossini 6: blinda la retroguardia negli ultimi venti minuti, rischia con un fallo da ultimo uomo).

liv carrarese (8)

Marchi 6: picchia e mena la sufficienza riesce a strapparla, ma non è il trattore di sempre (85’ Gemmi sv).

Giandonato 5,5: ritmo troppo compassato, anziché sveltire l’azione finisce per appesantirla. Da rivedere.

Ferchichi 6: ha faccia tosta e poca paura di sbagliare, ma deve abituarsi ai metodi spicci dei mediani di Lega Pro.

Venitucci 5,5: le invenzioni spesso rimangono ipotesi, però entra nell’azione decisiva e qualche assaggio di qualità c’è.

liv carrarese (2)

Murilo 5,5: ha velocità nei piedi, ma la usa poco e male (56’ Maritato 7: match winner pescato prima dal dimenticatoio degli svincolati e poi dalla panchina. Entra e di tacco regala i tre punti al Livorno).

Cellini 6: spesso poco nel vivo del gioco e depresso dall’errore a porta vuota nel primo tempo, ha il merito dell’assist decisivo.

All. Foscarini 6: il voto poteva essere più basso, ma la vittoria lo salva dall’insufficienza. Gioco se ne è visto poco, brillantezza ancora meno. La speranza è che con il rientro dei tanti assenti le prestazioni siano di livello adatto a una squadra che punta almeno ai playoff.

liv carrarese (5)

CARRARESE

Lagomarsini 5,5: insicuro nelle occasioni chiave, copre male i pali.

Migliavacca 6: buona prova in fascia, trova spesso il fondo.

Battistini 5,5: sciupa la sua gara nell’azione chiave del match, dove concede troppo a Maritato.

Massoni 6: di riffa o di raffa spazza l’area, chiude in avanti e infortunato.

Foglio 6: bella sfida con Morelli, piazza un paio di spunti interessanti (81’ Belfasti sv).

Rosaia 5,5: piedi poco educati, però dal punto di vista agonistico è impeccabile.

Marsili 6,5: uno dei migliori degli apuani, si vede sia davanti che in copertura dove salva un gol fatto.

liv carrarese (21)

Bastoni 6: pericolo numero uno: sul tiro da fuori è bravissimo Mazzoni, nella ripresa si impappina davanti al portierone amaranto.

Cristini 5,5: trova pochi spazi per rendere pericolose le sue ripartenze (76’ Tutino sv).

Miracoli 5,5: centravanti più di manovra che di profondità, raccoglie poco nella guerra coi centrali di casa.

Torelli 5,5: bada più a difendere che ad attaccare (66’ Del Nero 5,5: qualche colpo della classe che fu, a tempo scaduto calcia male la punizione del possibile pari).

All. Danesi 6: cerca di ottenere il massimo con il poco che passa il convento. Partita di corsa e sacrificio, a un certo punto fiuta anche il colpo prima di venir punito forse anche oltre i propri demeriti.

Condividi:

Riproduzione riservata ©